Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terremoto, stop di Tursi alle raccolte: “Per ora non servono a nulla” foto

Ecco cosa deve fare chi vuole comunicare la propria disponibilità a donare beni o materiali

Genova. A seguito dei tragici eventi sismici che hanno colpito il centro Italia, l’assessore alla Protezione civile del Comune di Genova, Giovanni Crivello, nell’esprimere il ringraziamento per la grande solidarietà espressa dai cittadini genovesi nei confronti di quelle popolazioni così duramente colpite, desidera precisare che, sentita la Protezione Civile della Regione Liguria e in contatto con il Dipartimento Nazionale di Protezione Civile, al momento attuale non è richiesto l’invio di materiali o beni di prima necessità.

“Il Comune di Genova-Settore Protezione civile e Aster – prosegue l’assessore Crivello – ha messo a disposizione le proprie competenze e la propria professionalità nel caso potessero rivelarsi utili a dare un contributo per il superamento di questa e delle successive fasi dell’emergenza”.

Chiunque lo desiderasse può comunque comunicare la propria disponibilità a donare beni o materiali per le popolazioni terremotate alle Sale operative della Protezione Civile comunale o regionale, utilizzando i seguenti numeri telefonici: Comune di Genova: Centrale Operativa Polizia Municipale 010 5570 (tutti i giorni h. 24); numero verde sala emergenze 800177797 (dal lunedì al venerdì dalle 7.30 alle 19; sabato dalle 7 alle 13). Regione Liguria: 010.5485990.

In caso di necessità, le persone resesi disponibili saranno ricontattate. Si ricorda inoltre che è possibile donare un contributo economico di 2 euro chiamando da rete fissa e mobile il numero attivato dal Dipartimento Nazionale di Protezione Civile: 45500.

Ulteriori informazioni sono disponibili sul sito del Dipartimento Nazionale di Protezione Civile.