Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terremoto in centro Italia, la Protezione Civile della Liguria in stato di preallerta

Controllati i mezzi riforniti di carburante e le attrezzature per ricercare persone disperse

Liguria. La Protezione Civile della Liguria è in stato di preallerta per il disastroso terremoto che ha colpito il centro Italia. Questa mattina il responsabile regionale Stefano Vergante ha telefonato ai referenti delle quattro province liguri per assicurarsi che uomini e mezzi siano pronti a partire qualora la Protezione Civile nazionale lo richiedesse.

Sono operativi da questa mattina anche i due poli regionali di La Spezia e di Villanova d’Albenga dove sono alloggiati i mezzi per l’allestimento delle colonne mobili. Già predisposto l’assetto organizzativo qualora si accendesse il semaforo rosso.

“In casi come questi – spiega Giovanni Naso, del centro di Protezione Civile con base operativa all’aeroporto Panero di Villanova d’Albenga – abbiamo già predisposto uomini pronti all’emergenza. E’ nostro compito poi controllare che i mezzi siano riforniti di carburante e che le attrezzature siano in ordine. Per il terremoto – assicura Naso – siamo disponibili a supportare le squadre già operative”. Lo stesso Naso ricorda che “le squadre di Protezione Civile sono specializzate nell’assistenza della popolazione evacuata in caso di calamità, autosufficienti nelle operazioni di soccorso”. Indubbia dunque la capacità di risposta immediata in caso di situazioni difficili come quella che ha colpito il centro Italia. Tutte le strutture del sistema regionale di Protezione Civile sono chiamate a prestare, laddove necessario, il proprio concorso tecnico-operativo alla gestione delle emergenze nazionali.

La Protezione Civile di Imperia, tra l’altro, deve affrontare un’altra emergenza: da ieri sera è in corso un incendio a Coldirodi che vede impegnate squadre con una sessantina di volontari che hanno contribuito a spegnere il rogo che si stava avvicinando alle case. “Ma – dice Eugenio Adolfo, il responsabile provinciale – siamo in preallerta anche per il centro.