Tensioni a Ventimiglia tra polizia e no border, un agente del reparto mobile di Genova muore di infarto - Genova 24
Tragedia

Tensioni a Ventimiglia tra polizia e no border, un agente del reparto mobile di Genova muore di infarto

Aveva 53 anni. Stava perlustrando i binari della ferrovia. Il segretario del Silp Cgil_ "In queste situazioni occorre mettere in campo personale più giovane

Generica

Genova. Un agente del reparto mobile di Genova è morto ieri sera a Ventimiglia al termine di una lunga giornata di tensione tra polizia, migranti e no border. Il poliziotto, Diego Turra, 53 anni, era originario di Albenga e da sempre in forza al reparto mobile genovese. Il sovrintendente faceva parte della squadra di poliziotti che la questura di Imperia ha chiesto e inviato al confine per gestire l’emergenza migranti.

Il decesso si è verificato una volta conclusa un’attività di perlustrazione dove Turra era impegnato in una camminata a passo sostenuto lungo i binari della linea ferroviaria ventimigliese. Nonostante gli interventi tempestivi dei colleghi e quindi dei sanitari del 118 che hanno cercato di rianimarlo l’infarto si è rivelato fatale.

“L’Assistente Capo Diego Turra – spiega il segretario generale del Silp Cgil, Daniele Tissone – aveva un vero attaccamento per il proprio lavoro, interpretando al meglio lo spirito di servizio proprio di chi svolge un’attività così delicata quanto impegnativa. Ci piace ricordarlo così, sempre allegro e disponibile con i colleghi e ci auguriamo, alla luce di quanto accaduto, che chi ha responsabilità rispetto anche alla elevazione dei limiti di età del personale che espleta servizio in Polizia si interroghi relativamente al fatto che – in situazioni di elevato stress e pericolo – occorra mettere in campo personale più giovane che, al momento, rappresenta oggi – in generale – solamente il 12% delle aliquote di tutte le forze di Polizia”.

Secondo Tissone, “impiegare sempre e comunque personale che ha già dato tanto per la società e che ha crescenti difficoltà nell’affrontare rischi sempre maggiori, a fronte delle continue ristrettezze derivanti dalla mancata allocazione di risorse sia umane che contrattuali, non è degno di uno Stato che dovrebbe assicurare, anche ai propri servitori, condizioni di vita e di lavoro più umane e comunque dignitose”.

leggi anche
Generica
L'attacco
Morte agente Turra, Silp-Cgil: “Tragedia annunciata”
carcere pontedecimo
Sit-in
No border portata a Pontedecimo, protesta sotto le mura del carcere
Il funerale di Diego Turra
Cordoglio
Folla commossa ai funerali di Diego Turra
scritta diego turra
Centro città
Genova, scritta contro l’agente di polizia morto a Ventimiglia
scritta diego turra
Identificati
Genova, scritte contro Diego Turra: denunciati quattro No Borders