Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Piaggio Aero, si cambia: Renato Vaghi prende il posto di Carlo Logli

Il piano industriale presentato un mese fa prevede il dimezzamento della forza lavoro e la chiusura del sito di Genova

Più informazioni su

Villanova d’Albenga. Terremoto al vertice di Piaggio Aerospace. Carlo Logli non è più amministratore delegato dell’industria aeronautica villanovese e di Sestri. L’incarico di amministratore delegato sarà assegnato ad interim dalla proprietà – ovvero il fondo Mubadala -a Renato Vaghi, che attualmente è il direttore operativo. Il nuovo amministratore delegato avrà il difficile compito di gestire la crisi attuale. Logli, era entrato a far parte dell’industria aeronautica nel 2013. L’incarico gli era stato affidato due anni fa. Secondo alcune voci l’a.d. avrebbe pagato a caro prezzo un ritardo sull’operatività del P.1HH Hammer Head, il drone a pilotaggio remoto precipitato nel mare di Trapani lo scorso 31 maggio.

C’è poi la grana del piano industriale presentato un mese fa che prevede il dimezzamento della forza lavoro e la chiusura del sito di Genova. Con quel piano l’obiettivo di Piaggio Aero è cercare di far fronte alla grave crisi di liquidità e sopratutto al debito con le banche è arrivare all’inizio del 2017 dimezzando l’attuale numero di dipendenti che passerebbero grossomodo dagli attuali 1260 tra Genova e Villanova d’Albenga a 650. Un’operazione che verte su due operazioni: la dismissione attraverso la cessione a terzi dell’attività dei Motori e della manutenzione e la trasformazione degli attuali cassaintegrati (132, di cui 90 a genova) in esuberi. Una prospettiva drammatica per i lavoratori.

Nell’ultimo incontro al Mise Fiom, Fim e Uilm avevano ottenuto la sospensione della procedura fino ad inizio settembre quando dovrebbe essere convocato un vertice davanti alla presidenza del consiglio che si dovrebbe svolgere agli inizi di settembre. Nel frattempo, già la prossima settimana ci sarà un incontro in Regione. Il piano industriale fra l’altro dovrà ottenere l’ok delle banche: in caso contrario il rischio è quello del fallimento.