Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Lungomare Canepa, si comincia: un anno di lavori per il restyling di Sampierdarena fotogallery

Sempre aperte due corsie per il traffico. Prossime tappe: la nuova rampa della sopraelevata di via Milano e al collegamento tra strada a Mare e il casello Genova Aeroporto

Genova. Lungomare Canepa, si comincia. Stamani nella delegazione genovese di Sampierdarena, come da programma, sono arrivate ruspe e operai: i lavori per trasformare la strada in un arteria a sei corsie sono finalmente cominciati. Dopo ricorsi al Tar e conseguenti ritardi, il consorzio Arem di Santa Maria Capua Vetere, con un ribasso di oltre il 38% rispetto ai 7 milioni e 200 mila euro previsti dal bando, può procedere.

Si inizia dalla sistemazione dell’area dalla rotatoria di via Molteni, dove sarà allestito il campo base con i container per gli spogliatoi degli operai e il deposito mezzi. Poi il cantiere comincia il suo lavoro a partire dalla zona più a levante, appena dopo la sede della Guardia di Finanza, (zona compresa invece nel secondo lotto del nodo di San Benigno, quindi appannaggio di Aspi), per procedere in direzione ponente.

“Una volta demoliti gli edifici, sarà possibile lavorare sul lato monte e di seguito sulla parte centrale. In tutto il periodo dei lavori, saranno mantenute le due corsie, e la quantità di traffico non dovrebbe subire modifiche”, assicura il vicesindaco, con delega all’Urbanistica, Stefano Bernini.

Gli ultimi lavori riguarderanno la riqualificazione della fascia tra la strada e via Sampierdarena, con il posizionamento di piante e posteggi. “Un restyling anche per il quartiere”, spiega l’assessore.

Secondo il bando il cantiere dovrebbe durare 12 mesi, ma “con possibili ritardi di un mese o due, dovremmo avere i lavori terminati in 15 mesi”.

Sampierdarena intanto attende anche l’apertura della nuova rampa di accesso alla sopraelevata in via Milano che dovrebbe avvenire a settembre. “Stanno facendo il passaggio in Capitaneria di Porto per la consegna anticipata”, conferma Bernini.

La rampa di via Milano è infatti inclusa nel primo lotto del nodo di San Benigno, praticamente terminato. Ma dati i tempi lunghi dovuti alle pratiche burocratiche amministrative, e visto che, invece, il collaudo statico è stato già fatto (e superato) nella scorsa primavera, il Comune ha richiesto la consegna anticipata di quell’unico tratto. “Ci auguriamo che la Capitaneria risponda al più presto in modo da non avere ritardi”.

Nel frattempo, le analisi di valutazione delle ditte che hanno partecipato al bando per il collegamento tra la Strada a Mare e il casello di Genova Aeroporto procedono: a ottobre è atteso il definitivo ok per la ditta vincitrice.