Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Liceo Colombo: inagibile la palazzina di corso Dogali, lo scientifico in via Bellucci

Genova. Dopo verifiche e analisi dei tecnici della Città metropolitana sulle murature il sindaco Doria ne ha decretato l’inagibilità fino al ripristino delle condizioni di sicurezza. In corso i lavori per allestire nuove aule in via Bellucci.

Lesioni alle strutture portanti del piano terra e su alcune zone del solaio in calcestruzzo armato fra il piano terra e quello superiore sono state riscontrate, durante le verifiche agli edifici scolastici, dai tecnici della Città Metropolitana di Genova nella palazzina di corso Dogali 4 che ospitava il liceo scientifico annesso al Convitto Colombo.

Dopo i primi sopralluoghi sono state subito effettuate analisi diagnostiche specialistiche sui materiali e prove di resistenza al carico che hanno evidenziato la necessità di lavori urgenti per ripristinare le condizioni di sicurezza dell’edificio, realizzato negli anni Venti del secolo scorso.

Sulla base della relazione dei tecnici, coordinati dai consiglieri delegati competenti Alfonso Gioia e Adolfo Olcese, il sindaco metropolitano Marco Doria ha così decretato l’inagibilità della palazzina sino al completamento degli interventi strutturali necessari.

Per fare spazio nel complesso scolastico di via Bellucci alle dodici classi del liceo scientifico annesso al Convitto Colombo, d’intesa con i dirigenti scolastici del Convitto (Paolo Cortigiani) e del liceo classico Colombo (Enrico Bado), sono subito partiti i lavori della Città metropolitana per allestire nuove aule, utilizzando locali adeguati per dimensioni, sicurezza e accessibilità sia del convitto che del contiguo liceo classico, messi a disposizione anche con il trasferimento dello studio del rettore e di tutti gli uffici amministrativi e didattici del convitto.

“Questo spostamento – dice Marco Doria – è una necessità impellente e assoluta per la sicurezza e dovremo concluderne tutte le complesse fasi in tempi rapidissimi, perché tutte le aule dovranno essere pronte ad accogliere gli studenti il 14 settembre, quando inizierà il nuovo anno scolastico. Ci rendiamo conto delle difficoltà e dei disagi per i due istituti di via Bellucci e faremo ogni sforzo per ridurle il più possibile, con la fondamentale collaborazione dei dirigenti scolastici e di tutto il personale, impegnandoci ad avviare e realizzare gli interventi per la sicurezza della palazzina di corso Dogali nei tempi più brevi consentiti dalla loro estrema complessità e delicatezza”.

In corso Dogali il problema riguarda soprattutto i ‘maschi murari’, ossia le strutture portanti fra le aperture delle porte e dei finestroni dei locali della palestra, lesionati sulla parete sud al piano terra e porzioni del solaio in calcestruzzo armato fra la palestra e il piano superiore.

Il primo intervento, “urgente e indifferibile” hanno scritto i tecnici al sindaco Doria, sarà il placcaggio con calcestruzzo armato delle murature per bloccare le lesioni e gli stessi tecnici stanno già lavorando alla progettazione per ripristinare la completa sicurezza della palazzina, anche attraverso interventi sulle fondazioni.