Boom di visite

La mostra su Gilberto Govi chiude con oltre 30 mila visitatori

Genova. “L’attore, la maschera, il genovese”, la mostra dedicata a Gilberto Govi e realizzata nella Loggia di Piazza Banchi dal Comune di Genova con la curatela di Eugenio Buonaccorsi e il progetto di Guido Fiorato, ha chiuso il 28 agosto con 31.686 visitatori. Una parte dell’allestimento, entro la fine dell’anno, andrà a creare una mostra permanente presso il Museo Biblioteca dell’Attore.

“Un’icona di straordinaria energia – aveva detto alla presentazione del progetto l’assessore alla cultura Carla Sibilla – che incarna tutti i caratteri di una genovesità vissuta nel profondo. La nostra azione è promuovere la città partendo dalle nostre radici e dalla nostra identità. L’occasione delle celebrazioni per Gilberto Govi va esattamente in questa direzione”.

Sommando il pubblico dei vari eventi – mostra, tavola rotonda, premio Govi a Luca Zingaretti, rassegna teatrale e cinematografica – si superano abbondantemente le 40 mila presenze. Le celebrazioni saranno completate con la pubblicazione di un libro, per fissare e trasmettere anche ai più giovani e in tutta Italia un’immagine complessiva e aggiornata dell’attività e dell’arte di Govi.

Il Comune di Genova è stato affiancato nel percorso delle celebrazioni Goviane da Regione Liguria, Teatro Stabile di Genova, Fondazione Carlo Felice, Fondazione Palazzo Ducale.

Oltre a questi soggetti, sono state mobilitate altre realtà associative e istituzionali, tra cui la Camera di Commercio, il Museo Biblioteca dell’Attore, l’Università di Genova, l’Accademia Ligustica di Belle Arti, diversi teatri e associazioni del mondo del teatro dialettale, che nella nostra regione è rappresentato dalla FITA (Federazione Italiana Teatro Amatoriale).