Quantcast
Dopo genoa-lecce

Juric: “Qualche errore, ma sono soddisfatto perché non abbiamo perso la testa” fotogallery

Genova. “Non ci siamo esposti, abbiamo fatto qualche errore di disattenzione, menomale che è successo adesso così possiamo lavorarci. Siamo stati dei polli, ma in compenso abbiamo creato una marea di occasioni e dopo un primo tempo a ritmi lenti nell’ultima fase siamo andati meglio”. Ivan Juric, buona la prima. Il nuovo mister rossoblù commenta il 3-2 sul Lecce che ha consentito alla squadra di passare il turno in Coppa Italia, ora si attende la vincente di Perugia-Carpi per sapere chi sarà la prossima avversaria.

“Siamo stati imprecisi sottoporta, avremmo potuto fare più gol, questo è sicuro, ma era il primo esame vero e dopo il raddoppio del Lecce la squadra si è comportata bene, non ha perso la testa ed è rimasta concentrata”. Concentrazione e pochi mugugni rilevati dall’allenatore da parte del pubblico: “Sono stati di vero aiuto, io ricordavo più pressione da giocatore”, è stata un’ottima accoglienza”.

Di questa partita Juric ha apprezzato la ricerca del gioco costante da parte della squadra e la mano del mister si vede anche sulla gestione degli attacchi sulle fasce. L’ingresso di Lazovic è stato giudicato positivamente “anche se deve migliorare sull’ultimo passaggio, occorre più precisione”. Elogi anche per Veloso “ha fatto un’ottima partita e sui calci piazzati può dare tanto” e Pandev “può fare meglio, sono contento per lui, mentalmente era a terra, ora mi sembra tornato un giocatore competitivo, ci sarà molto utile”.

In chiave mercato Juric sa bene che è in difesa ad avere meno opzioni: “Sappiamo cosa fare e c’è unità di intenti per aumentare la qualità della squadra”.

Belle parole anche per Ocampos: “Lui ha un margine di miglioramento pazzesco, può crescere molto, per lui l’anno scorso è andato veramente male, ora sta ritrovando la forma. Vuole crescere ma dobbiamo capire che è giovane, ha solo 22 anni”.