Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Il Setterosa ingrana dopo metà gara e sommerge il Brasile

Tripletta per Roberta Bianconi: "Abbiamo rotto il ghiaccio; sappiamo e possiamo dare di più, ma serviva la vittoria e ci siamo riuscite"

Genova. Il Setterosa vince all’esordio nel gruppo A del torneo olimpico contro le padrone di casa, sostenute da oltre 2.500 spettatori al Maria Lenk Acquatic Centre.

Dopo un inizio in sofferenza, le azzurre si sciolgono grazie anche alla bomber Bianconi autrice di tre reti. Male la statistica con l’uomo in più: 1 su 8, come il Brasile. Prossimo incontro giovedì 11 agosto alle ore 15,20 contro l’Australia, battuta lo scorso anno in finale per il terzo posto ai Mondiali di Kazan.

“E’ stato un esordio difficile più dal punto di vista ambientale che tecnico. Sapevamo di avere una maggiore caratura ma queste partite vanno vinte sul campo – dichiara a caldo il ct Conti -. Abbiamo sbagliato tante soluzioni soprattutto in attacco, ma all’inizio del torneo possono succedere. Le ragazze però hanno avuto un atteggiamento positivo, non si sono disunite, e hanno mantenuto la calma fino alla fine. La difesa è stata quasi perfetta e ha colmato quelle carenze dell’attacco che dovremo migliorare già dalla prossima partita contro l’Australia, quando inizierà il vero torneo per noi”.

Emozione all’esordio anche per bomber Bianconi che con freddezza ha trasformato il rigore della tranquillità sul 3-1: “Con questo pubblico così caloroso non era facile esordire – commenta l’azzurra che gioca all’Olympiacos -, però è stato fantastico perché l’aria era elettrizzante e sono riuscita a godermela fino alla fine. Oggi abbiamo rotto il ghiaccio; sappiamo e possiamo dare di più, ma serviva la vittoria e ci siamo riuscite. Da domani testa bassa verso l’Australia“.

Tifo scatenato e sulle tribune si alza alto il coro “Brasil Brasil”. Tre minuti di nulla e poi sul primo extraplayer Bianconi fa centro dal perimetro per l’1-0 che apre le danze. Un giro di lancette e Amanda Oliveira pareggia con una preziosa colomba da lato corto, che fa esplodere il Maria Lenk di Rio. Garibotti e Radicchi ci provano da fuori ma la difesa verdeoro ha la meglio lasciando solo tiri da fuori alle azzurre che chiudono solo con un gol su tre in superiorità numerica.

Il secondo tempo si apre con l’occasione fallita in superiorità da Chiappini, mentre il Setterosa continua a trovare la strada chiusa in avanti. Zablith manca clamorosamente la seconda chance con l’uomo in più e dopo un tempo di pausa; Frassinetti spinge dentro il nuovo vantaggio azzurro a metà secondo quarto (2-1). Cotti commette fallo grave e Abla mette fuori dopo un intenso giro palla. Bahia commette fallo grave ma nè Queirolo nè Radicchi riescono a ribattere in rete l’azione che continua e viene finalizzato in parità numerica da capitan Di Mario che insacca sul primo palo il primo doppio vantaggio di metà gara.

Zablith fallisce la quarta occasione con l’uomo in più, mentre Chiappini commette fallo da rigore su Frassinetti. Bianconi è fredda e spiazza Oliveira per il 4-1 azzurro. La partita si apre ed il Brasile allarga le maglie su cui si infila Queirolo che in controfuga dal perimetro dà il 5-1 e massimo vantaggio alle compagne. La brasiliana Mantellato viene espulsa per gioco violento (pugno alla Bianconi) ma Emmolo fallisce la sesta superiorità numerica. Il Brasile non punge davanti e Bianconi in controfuga fa tripletta per il 6-1 azzurro. Di Mario ha la grande chance per allungare nel punteggio in controfuga ma il tempo si chiude così.

La tensione orma si scioglie e Radicchi trova la bella conclusione da fuori per il 7-1 dell’Italia che difende poi bene sulla quinta superiorità verdeoro (palo di Duarte). Queirolo commette secondo fallo grave e finalmente il Brasile va in gol segnando il primo extraman con Abla con bella girata dal centro. Il gol ravviva le avversarie che spingono e in controfuga segnano la terza rete con Chiappini che completa un coast to coast lanciata dal portiere. Di Mario mette ordine e lancia al centro Aiello, brava a smarcarsi e metter dentro in girata l’8-3 a tre minuti dal termine. Emmolo realizza la nona ed ultima rete. Chiappini sbaglia l’ottava chance in più imitata da Cotti e il match si chiude qui.

Il tabellino:
Italia – Brasile 9-3
(Parziali 1-1, 2-0, 3-0, 3-2)
Italia: Gorlero, Garibotti, Tabani, Radicchi 1, Queirolo 1, Aiello 1, Di Mario 1, Bianconi 3, Emmolo 1, Pomeri, Cotti, Frassinetti 1, Teani. All. Conti.
Brasile: Oliveira, Abla 1, Zablith, Canetti, Barroncas, Chiappini 1, A. Oliviera 1, Carvalho, Pedrosa, Bahia, Duarte, Mantellato, Chamorro. All. Oaten.
Arbitri: Dutilh (Ola) e Willis (Rsa).
Note. Espulsa Mantellato per gioco violento nel terzo tempo. Uscita per limite di falli Bahia nel quarto tempo. Superiorità numeriche: Italia 1 su 8 più 1 rigore segnato, Brasile 1 su 8.