Venerdì

Da Facebook all’assemblea pubblica, primo incontro per “salvare” l’ospedale di Sestri

Intanto il gruppo ha già superato le 5 mila adesioni

Sestri Ponente. Dalla Rete ai locali della Croce Verde, l’appuntamento è per venerdì pomeriggio alle 17.30. Si concretizza la protesta contro i tagli e il gruppo “Salviamo l’ospedale Padre A. Micone di Sestri Ponente” passa all’azione.

Il 2 settembre si discuterà insomma dell’impatto della chiusura del reparto di Neurologia, trasferito nei giorni scorsi al Villa Scassi. E si decideranno naturalmente le prime azioni di protesta: allo studio anche una raccolta firme contro il ridimensionamento della struttura.

Si tratta della prima prova di mobilitazione per una comunità virtuale che in pochissimi giorni ha raccolto più di 5 mila adesioni. La molla scatenante è stata la paura per eventuali nuovi tagli che comportino anche il sacrificio di Otorino e il ridimensionamento dell’orario dell’ex pronto soccorso.

leggi anche
  • Il gruppo
    “Salviamo l’ospedale di Sestri Ponente”: boom di iscritti su Facebook
  • Neurologia e otorino
    Sestri Ponente, tagli e chiusure all’ospedale Micone: sale la protesta
  • Nuovi tagli all’Ospedale Padre Antero di Sestri Ponente
  • Piano 2012
    L’ospedale Micone in consiglio regionale, Viale: “Otorinolaringoiatria resterà a Sestri”
  • I numeri
    Ospedale Sestri, aumentano accessi a Pronto Soccorso. Rete a Sinistra presenta progetto di razionalizzazione