Quantcast
Il vertice

Ericsson, la vignetta ironica sulla banda ultralarga. Domani incontro al ministero del Lavoro

Genova. I sindacati e le rsu di Ericsson sono stati convocati insieme all’azienda domani alle 12 presso la sede del ministero del Lavoro. La convocazione rientra nella seconda fase della procedura di mobilità nel tentativo di raggiungere un accordo dopo che l’azienda a giugno ha annunciato un piano da 385 esuberi di cui 147 a Genova.

Questa seconda fase scade fra 30 giorni e, in caso di mancato accordo, Ericsson potrà procedere con gli esuberi. Una situazione drammatica che lascia nello sconcerto i lavoratori che, nonostante 8 giornate di sciopero, non hanno visto alcun avanzamento nella trattativa e nessuna presa di posizione forte da parte del Governo. Rispetto a domani l’unica speranza dei lavoratori è quella di ottenere una sospensiva per l’estate che faccia slittare, anche se di poco i 30 giorni.

E così un lavoratore di Ericsson per ha disegnato una vignetta che mostra il premier Matteo Renzi consegnare all’ad di Ericsson una busta di soldi con riferimento ai bandi da sette miliardi di euro per la banda ultralarga a cui la multinazionale svedese ha ribadito di voler partecipare.

Dietro, immobili e impotenti i presidenti delle Regioni tra cui il governatore Toti. Ai lati due figure incappucciate, che rappresentano la Finanza e le multinazionali.
Unici assenti dalla vignetta i lavoratori di Ericsson che che nel gioco perverso delle tre carte tra Ericsson e il governo, sono solo dei numeri.

leggi anche
  • L'appello
    Ericsson e Piaggio Aero, il lavoro in crisi: Federmanager/Asdai scrive al Prefetto
  • 147 a rischio
    Esuberi Ericsson, lunedì tavolo a Roma. Cgil: “Ancora nessuna soluzione”
  • La richiesta
    Ericsson, Tullo e Lunardon (Pd): “Niente licenziamenti, incontro con Governo sia solo tecnico”
  • Esuberi
    Ericsson, fumata nera per Genova: confermati (ma congelati) i 147 licenziamenti