Quantcast
In prefettura

Domani a Genova il tavolo regionale sull’immigrazione. Viale: “Comuni liguri allo stremo di fronte ad accoglienza indiscriminata”

Genova,  i profughi arrivano nella struttura di Quarto

Genova. No all’arrivo di nuovi migranti in Liguria. Lo ha detto la vice presidente della Regione, e assessore con delega all’immigrazione, Sonia Viale, annunciando la sua presenza domani, alle 11 in Prefettura a Genova, al Tavolo di coordinamento regionale sull’immigrazione.

“E’ una riunione che avevo richiesto io stessa – ricorda la vicepresidente Viale – e che è stata convocata al termine dell’incontro fra tutti i Prefetti che si è svolto a Roma il 4 agosto. Domani ribadirò la posizione della Regione Liguria ovvero che l’accoglienza di ulteriori immigrati sul nostro territorio è insostenibile. E’ una posizione che credo possa essere condivisa in modo trasversale, indipendentemente dall’appartenenza politica: la stragrande maggioranza dei sindaci, soprattutto dei piccoli Comuni – ha sottolineato Viale – non riesce più né a reggere la situazione attuale né, tantomeno, ad aderire alle richieste insistenti di trovare altri luoghi destinati all’accoglienza. E’ evidente che il modello così come è stato impostato non funziona.

“Certamente – aggiunge l’assessore regionale alla Sicurezza e all’Immigrazione – ascolteremo tutti per capire quale sia la nuova politica proposta da governo ma se è quella degli incentivi ai Comuni che accolgono, allora posso già rispondere che, se davvero hanno risorse da distribuire ai Comuni, le diano a quelli che garantiscono gli asili gratuiti per i bambini”.

“La Regione Liguria non ha piu’ capacita’ di accogliere. I Comuni sono allo stremo, sia i piccoli che i grandi, e non ci sono luoghi idonei per sopportare un’accoglienza cosi’ indiscriminata di persone che non hanno futuro e speranza nel nostro territorio. Molti di loro non cercano neppure il diritto di asilo, tra breve si troveranno ad essere irregolari e quindi espulsi”. ha ribadito questa mattina la vicepresidente Sonia Viale, lasciando Ventimiglia dove ha incontrato il sindaco Enrico Ioculano.

Sull’emergenza, in particolare quella di Ventimiglia è intervenuto anche il commissario regionale del Pd David Ermini: “Quello che sta avvenendo in questi giorni nella città di confine con la Francia ci riporta drammaticamente e pericolosamente a situazioni di assoluta emergenza già vissute in passato. Questo è inaccettabile e pericolosissimo. È il momento di dire basta. I cittadini e l’amministrazione di Ventimiglia, che in questo anno ha affrontato la situazione con coraggio e serietà, devono al più presto trovare nelle autorità preposte sostegno e soprattutto la volontà di intervenire concretamente e con efficacia nella gestione della questione migranti. Si tratta di difendere i diritti e la sicurezza di tutti, anche evitando la strumentalizzazione della disperazione dei migranti da parte di gruppi organizzati che hanno il solo obiettivo di ottenere visibilità”.

leggi anche
Genova,  i profughi arrivano nella struttura di Quarto
Dibattito
Profughi, Regazzoni e Raggi: “Genova ha già fatto la sua parte. No a nuovi arrivi”