Quantcast
Pronti per le olimpiadi

Tanta Pro Recco nel Settebello di Rio, sognando l’oro Olimpico

Ben sette sono i giocatori provenienti dalla società biancoceleste per una nazionale composta molto "ligure". Confermato Tempesti che ha recuperato dall'infortunio all'occhio che aveva subito a fine stagione

pietro figlioli pro recco

Dopo il Setterosa, anche i nomi del Settebello sono stati resi noti e inevitabilmente, c’è molta Liguria, tutta rappresentata da giocatori della Pro Recco. Ce l’ha fatta alla fine Stefano Tempesti a recuperare dal distaccamento della retina occorsogli proprio con il suo club durante un match di Champions League. Il portierone della nazionale e della società recchelina dovrebbe farcela, avendo superato tutti i test e seguito un attento percordo riabilitativo.

Insieme a lui partiranno per Rio i suoi compagni di squadra di Recco: Michael Bodegas, Matteo Aicardi, Pietro Figlioli, Francesco Di Fulvio, Niccolò Gitto e Andrea Fondelli. Praticamente metà della squadra più forte del mondo, che dovrà dare una spinta importante a un Settebello, da troppo tempo in ombra, anche per la forte concorrenza. Le Olimpiadi sono il punto di massimo arrivo di un pallanuotista, per questo solo i migliori sono stati selezionati dal C.T. Sandro Campagna.

Sarà una nazionale ligure-lombarda con un paio di sfumature campane. Infatti con i 7 genovesi, Campagna ha chiamato anche Christian e Nicholas Presciutti, Alessandro Nora e il portiere Marco Del Lungo dell’AN Brescia; I due unici “stranieri” di questo blocco del Nord Ovest sono Valentino Gallo del Robertozeno Posillipo e Alessandro Velotto del CC Napoli.

La selezione è stata dura come non mai – ha detto Campagna – sia per l’importanza delle Olimpiadi sia per il livello dei giocatori. Siamo una squadra competitiva nonostante sette debuttanti ai Giochi”.

L’Italia partirà per Rio de Janeiro per disputare i primi cinque incontri del Girone B insieme a Stati Uniti, Spagna, Francia, Montenegro e Croazia. Passano il girone le prime quattro con scontri incrociati (prime contro quarte).

Il calendario prevede l’esordio alle 16:40 del 6 agosto contro la Spagna. Due giorni dopo sarà la volta della Francia, poi, il 10 del Montenegro, il 12 della Croazia, infine, il14 degli Usa. Obbiettivo minimo è quello di ripetere quanto fatto 4 anni fa, con l’argento di Londra, anche se sarà un cammino molto duro.