Quantcast

Lettera al direttore

Presa di posizione

Sestri levante, il nuovo Centro Destra ribadisce il no al mega depuratore

Il Nuovo CentroDestra ribadisce il proprio NO alla realizzazione di un mega depuratore comprensoriale a Chiavari. Pronti alla mobilitazione se necessario

Il Nuovo CentroDestra respinge al mittente la demenziale proposta di realizzare un mega depuratore comprensoriale da parte della Città Metropolitana, di Iren e del Partito Democratico. Se sarà necessario il Partito è pronto alla mobilitazione” dichiara il Coordinatore Provinciale del Nuovo CentroDestra e Consigliere Comunale di Sestri Levante Marco Conti.
La Valle dell’ Entella è già un comprensorio o bacino e ha caratteristiche geomorfologiche completamente diverse da quello della Val Petronio (Sestri Levante, Casarza Ligure, Moneglia e Castiglione Chiavarese) pertanto la soluzione ideale e di buon senso è quella di costruire un impianto per il solo bacino di Sestri Levante/Val Petronio, che avrebbe un costo di realizzazione e gestione inferiore.
Nell’ Assemblea dell’ ATO del 29 settembre 2015 la maggioranza del Sindaci del Tigullio, che rappresentano oltre 105.000 abitanti, hanno votato contro il depuratore comprensoriale.
In quella sede sono emersi due aspetti:
1) gli inciuci della PD (minoranza Dem) Valentina Ghio con esponenti di altro colore politico per soli interessi elettorali;

2) che per “l’arancione” Sindaco metropolitano Marco Doria e per il “rosso” Consigliere delegato all’ambiente Enrico Pignone, il concetto di democrazia è un concetto quanto mai labile.

Solo dei dementi possono pensare di realizzare una condotta, lunga circa 8 km, che porti i liquami da Sestri Levante a Chiavari/Lavagna lungo un percorso difficile e periglioso come ad esempio le Rocche di S. Anna.

Senza contare i costi che oscillano tra i 12 e i 15 milioni di euro a cui vanno aggiunte le cinque stazioni di sollevamento liquami dal costo di € 500.000 cadauna.

Inoltre un collettore di queste dimensioni comporta anche pericoli di dispersioni di liquami in mare a causa di possibili danni provocati da mareggiate oppure a causa di un guasto di una delle tante stazioni di sollevamento.

Marco Conti

Coordinatore Provinciale “Nuovo CentroDestra – Genova Popolare”

Più informazioni
leggi anche
Depuratore di Recco
Lettera
Depuratore, Pignone apre a due impianti: “Chiavari indichi sito adatto”
depuratore recco
26 settembre
Depuratore del Tigullio, due settimane per decidere sul doppio impianto