Quantcast
Le dichiarazioni

Omicidio Pontedecimo, il vigile che non è intervenuto: “Ho avuto paura” fotogallery

Genova. L’agente di polizia municipale, indagato per non aver fermato la lite a Pontedecimo, che ha portato all’omicidio di Francesco Larosa, ucciso dal nipote per motivi di confine, è stato interrogato oggi dal pm Alberto Landolfi.

“Sono andato nel pallone, ho avuto paura. E poi non ho realmente capito cosa stesse succedendo in quel momento, la gravità della situazione. Per questo non sono intervenuto”, ha dichiarato.  Il vigile, difeso dall’avvocato Stefano Sambugaro, è accusato di concorso per omissione in omicidio. L’agente ha spiegato di non conoscere nessuno dei componenti delle due famiglie, ma di essere stato contattato quel giorno dai Bruzzese che si erano presentati al comando dove lui lavora per dirgli di intervenire.

“Sono arrivato e mentre stavo controllando le carte e i documenti è iniziata la rissa. All’inizio ho provato a
intervenire ma poi sono entrato nel pallone, non sapevo cosa fare. Poi ho chiamato la centrale. Ho detto a tutti di entrare in casa e di aspettare. Non ho visto che Larosa era stato ferito mortalmente, ho scoperto che era morto solo all’arrivo dei medici del 118”.

La lite, sfociata poi nell’omicidio, era nata per una questione di confini tra le proprietà delle due famiglie, imparentate tra di loro. Le discussioni andavano avanti da anni.

leggi anche
omicidio Pontedecimo
Le indagini
Omicidio Pontedecimo, indagato per “concorso” il vigile che non è intervenuto
omicidio via tecci bolzaneto
Causa
Omicidio Pontedecimo, parenti della vittima chiedono danni al Comune
Omicidio in famiglia a Bolzaneto
Le indagini
Omicidio Pontedecimo, in casa dell’assassino proiettili compatibili con quelli sparati contro la baracca dei Larosa
Omicidio in famiglia a Bolzaneto
Il video e la ricostruzione
Omicidio a Pontedecimo, l’accoltellamento ripreso dalle telecamere di sorveglianza
omicidio via tecci bolzaneto
Sentenza il 22 febbraio
Omicidio Pontedecimo, pm chiede 18 anni per Bruzzese e 3 anni per il vigile che non è intervenuto