Alchemia

‘Ndrangheta, maxi operazione: arresti anche in Liguria, nel mirino subappalti Terzo Valico fotogallery

In Liguria, Calabria, Lazio, Piemonte ed in altre regioni del nord Italia è in corso una vasta operazione antimafia della Polizia e della Dia: 40 arresti e numerose perquisizioni a carico di appartenenti ed affiliati alla ‘ndrangheta delle cosche reggine

Genova. Dalle prime ore della mattinata, in Liguria, Calabria, Lazio, Piemonte ed in altre Regioni del nord Italia è in corso una vasta operazione antimafia della Polizia e della D.I.A. con l’esecuzione di 40 arresti e numerose perquisizioni a carico di appartenenti ed affiliati alla ‘ndrangheta delle cosche reggine “Raso – Gullace – Albanese” e “Parrello – Gagliostro”, a vario titolo indagati per i reati di associazione per delinquere di stampo mafioso, concorso esterno in associazione mafiosa, corruzione, intestazione fittizia di beni e società.

Le indagini, dirette dalla Procura Distrettuale Antimafia di Reggio Calabria, con il coordinamento del Servizio Centrale Operativo, sono state condotte dalla Squadra Mobile di Genova e Reggio Calabria nonché di Savona. Altro segmento di indagine è stato svolto dal Centro Operativo D.I.A. di Genova, collaborato dai Centri D.I.A. di Reggio Calabria e Roma.

Le investigazioni hanno accertato stabili collegamenti con le famiglie di origine da parte di esponenti dell’organizzazione mafiosa dimoranti in Liguria, attivi in settori strategici imprenditoriali quali l’edilizia ed il movimento terra anche attraverso l’acquisizione di sub-appalti per la realizzazione del Terzo Valico.

L’indagine della Procura distrettuale antimafia di Reggio Calabria è partita dal monitoraggio di alcune ditte che operano nel movimento terra nell’area del Savonese e si sono poi allargate. Quindici gli arresti compiuti in Liguria dalla Sezione Criminalità Organizzata della Squadra Mobile di Genova che ha curato la parte dell’inchiesta sugli appalti per i lavori al Terzo Valico ferroviario. L’inchiesta è partita da alcuni accertamenti svolti dalla Dia fra il 2009 e il 2011 su alcune famiglie calabresi trapiantate in Liguria e da indagini della squadra mobile di Genova che nei due anni successivi, nel 2012 e il 2013, hanno trovato conferme, così le informazioni sono state trasferite alla Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria.

Sono emersi altresì contatti degli affiliati con politici locali, regionali e nazionali di Reggio Calabria, nonché con funzionari dell’Agenzia delle Entrate e della Commissione Tributaria della medesima provincia, volti a condizionare il loro operato con reciproco vantaggio.

E’ stato eseguito il sequestro preventivo di beni mobili, immobili, depositi bancari di numerose società riconducibili alle consorterie mafiose per un valore complessivo stimabile in circa 40 milioni di euro.

leggi anche
  • Terremoto
    ‘Ndrangheta a Lavagna: si dimette la maggioranza. Comune verso lo scioglimento
  • Nuovi sviluppi
    ‘Ndrangheta a Lavagna: gli scarichi abusivi finivano in mare, ma la passeggiata era intoccabile
  • Le immagini
    ‘Ndrangheta, il video dei pedinamenti al sindaco Sanguineti e i “dialoghi” con i Nucera
  • Scioglimento?
    ‘Ndrangheta, rifiuti e famiglie “invisibili”. Lavagna, l’incertezza dopo il terremoto
  • La decisione
    ‘Ndrangheta, il Prefetto sospende il sindaco di Lavagna
  • Solidi collegamenti
    ‘Ndrangheta, il “ruolo rilevante” della Liguria. Terzo Valico, gli affiliati sostenevano il “Si Tav”
  • Terzo valico
    ‘Ndrangheta, Cociv: “Totale estraneità del consorzio dall’operazione Alchemia”
  • Soddisfazione
    Terzo Valico, via libera al lotto 4: “Ora non si torna più indietro”
  • Il processo
    ‘Ndrangheta a Lavagna, assolto Paolo Nucera
  • Maxi operazione
    “Conti di Lavagna”: usura, estorsione e traffico di droga. Nuova operazione contro la ‘ndrangheta