Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

La Sportiva Sturla è campione d’Italia di salvamento

A Riccione i biancoverdi fanno man bassa di medaglie. Martina Repetto è la regina incontrastata e grazie ai risultati nei Ragazzi e nei Cadetti la società si erge come regina di questo sport

La Sportiva Sturla gioisce per i risultati ottenuti alle finali nazionali di salvamento a Riccione. I 90 metri sprint sulla spiaggia registrano l’ennesimo titolo italiano di Martina Repetto, assieme al bronzo di Gianluca Bellan e Carlotta Tortello (Ragazzi), con il podio sfiorato da Valeria Massa (Ragazzi) e Guido Parodi (Junior), entrambi quarti, e Federico Provvedi (Ragazzi), quinto. Settima piazza per l’esordiente Edoardo Fanciullo.

Le prove di bandierine sulla spiaggia hanno visto la Tortello centrare un nuovo terzo posto, mentre Fanciullo è quinto, Massa e Parodi quinti. Nuova affermazione per Martina Repetto, a livello Senior ottavi Giulia Ghiani e Simone Marangon. Titoli italiani, nel percorso con tavola, per Repetto, Tortello e Lorenzo La Magna (ottavo nel frangente), piazze d’onore per Parodi e Bellan, quarto Andrea Negrotto, ottavi Chiara e Giorgio Santucci, decima Elena Gardella.

Lo splendido percorso di Martina Repetto si completa con l’argento nel frangente. Le classifiche generali di categoria, in virtù delle leadership Ragazzi e Cadetti, incoronano la Sportiva Sturla prima società italiana. A seguire, nelle finali assolute, la vittoria di Martina Repetto nello sprint (quinta nelle bandierine e settima nella tavola), gli argenti di Lorenzo La Magna quarto nella canoa e nell’ocean (quarto nel percorso con tavola).

Bene anche le staffette, con i successi nella 4×90 sprint (Repetto, Camilla e Carlotta Tortello, Ghiani) e torpedo (Negrotto, Durlicco, La Magna, Marangon), conditi dall’argento (Marangon, La Magna) e al bronzo (Repetto, Tortello) nel salvataggio con tavola. In questa classifica Sportiva Sturla seconda solo alle Fiamme Oro.

“Forse non ci rendiamo ancora bene conto della magnifica impresa portata a termine a Riccione – spiega il tecnico Fabio Gardella – Da tanti anni sognavamo di arrivare in vetta alla classifica come Società in una competizione nazionale; abbiamo sfiorato questo traguardo diverse volte in passato, ma il miglior risultato è sempre stato il secondo posto. Lo scorso anno addirittura secondi sia nei Ragazzi che nei Cadetti, quarti agli assoluti”

“Non ci siamo scoraggiati- prosegue Gardella – abbiamo continuato a lottare contro tutto e tutti, e nonostante le avversità ci siamo presentati a queste finali consapevoli del nostro potenziale, con una parte di squadra ormai esperta, ben preparata tatticamente, completata da giovani promettenti, anche se ancora alle prime esperienze in competizioni di questo livello”.