Quantcast
Pallanuoto

La Pro Recco saluta Sori e prepara la “doppia vasca”

Manca solo la firma, ma è molto vicino l'addio della storica società biancoazzurra alla piscina di Sori. Camogli e Albaro saranno le due nuove destinazioni per le partite interne

Pro Recco Waterpolo

Sono tempi di grandi traslochi in quel di Recco, questi. Dopo l’arrivo dello Sporting Recco nel calcio (ex RapalloBogliasco che si è presentato nei giorni scorsi alla cittadinanza), anche la “grande madre” dello sport recchelino, la Pro Recco Waterpolo 1913 si sposta. Manca ancora l’ufficialità, ma sembra ormai cosa fatta l’addio della più importante società pallanuotistica italiana dalla piscina Comunale di Sori per un trasferimento “doppio”.

Se l’affare andrà in porto, i biancoazzurri dovrebbero (il condizionale è d’obbligo dato che mancano ancora le firme) andare a giocare a Camogli le partite casalinghe di campionato, mentre la Champions League e i playoff verrebbero disputati ad Albaro, in quella struttura che ha già visto le calottine reccheline lottare per campionati e coppe, con ottimi risultati.

Si tratta di qualcosa di grosso, perché la Pro Recco si porta dietro un bagaglio di tifosi imponente, che riavvicinerebbe Genova alla pallanuoto, dopo anni di lontananza a favore di piscine del Levante. Diventa un problema per Sori, che da tempo faceva delle collaborazione con la più grande squadra mai apparsa in una vasca, sia un vanto d’immagine, ma anche ne traeva un’entrata economica non da poco. Gli oltre 150 mila euro, ovvero l’affitto che la Pro ha pagato quest’anno per giocare nel bell’impianto sorese, non ci saranno, con possibili gravi conseguenze per il mantenimento di una piscina tanto all’avanguardia quanto dispendiosa per le casse del Comune di Sori.

Per la Pro Recco invece si tratta di un bel colpo, che potrebbe richiamare nuovi appassionati e consentire al capoluogo di avere i riflettori puntati soprattutto durante i match internazionali. D’altra parte questo significherebbe nuove possibilità di entrate da parte di sponsor locali e non.