Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Imberciadori e Quaglia dominano “A Crôxe de cursa”

Ottime performance anche con un tasso di umidità molto alto. Partecipazione folta per una gara diventata una classica dell'estate

Quarta edizione di “A Crôxe de cursa” la gara podistica che dall’abitato di Crocefieschi si snoda per poco più di 10 km lungo i sentieri e le strade che salgono verso il Parco Braia, posto 260 metri più in alto rispetto alla partenza. Una gara tutta in ascesa quindi, che complice il caldo, ma soprattutto l’umidità, si è fatta dura per tutti.

C’è voluto un runner esperto come Enrico Imberciadori delle Frecce Zena, per mettere d’accordo tutti sul fatto che fosse lui il più in palla oggi. La coppia della Cambiaso Risso, Gabriele Poggi e Savio Ghebrehanna, ha dovuto alzare bandiera bianca e accontentarsi dei rimanenti due gradini del podio. Per Imberciadori il percorso è durato 41’47”, lasciando di quasi un minuto Poggi alle spalle.

Per Imberciadori anche la vittoria nella propria categoria la 1M, ovvero quella per i podisti di età compresa fra i 18 e i 30 anni. Dietro di lui ancora Savio Ghebrehanna, mentre il terzo è Federico Capurro della Linero giunto quinto nella classifica generale. Nella 2M primo posto di Gabriele Poggi davanti a Silvano Repetto (4° assoluto) della Delta Spedizioni e a Federico Violante del Sisport, che chiude 11° nella generale.

Salendo ancora di categoria, e saltando alla 3M quella riservata ai podisti fra i 41 e i 50 anni, vince Carlo Rosiello, della Delta Spedizioni che è anche un ottimo sesto nella generale. Dietro di lui Giuseppe Scozzarella di Rifondazione Podistica (12° assoluto) e Matteo Agostini dell’Atletica Vallescrivia (13° assoluto).

Infine i 4M, sopra i 50 anni,  ha visto importsi Massimo Bagossi della Delta Spedizioni che è giunto per 16° negli assoluti, davanti ad Ernesto Calenda dei Maratoneti Genovesi (25° assoluto) e ad Alessandro Mantovani dell’Emozioni Sport (30° nella generale)

Passando alle donne, trionfa ancora una volta Emma Quaglia del Cus Genova, che aggiunge l’ennesimo trofeo alla sua sterminata bacheca, lasciando la seconda classificata, Giorgia Bruzzone lontana oltre due minuti. Ottava nella classifica assoluta, Quaglia chiude il percorso in 48’27”. Più indietro la Bruzzone al 17° posto assoluto che a sua volta è stata l’unica a tenere per un pezzo il passo della vincitrice. Infatti la terza donna a tagliare il traguardo è stata Susanna Scaramucci, dell’Atletica Varazze che ha chiuso al 40° posto assoluto.

La Quaglia è anche, ovviamente, prima nella sua categoria, la 2F davanti, così come la seconda assoluta corrisponda alla seconda di categoria, Giorgia Bruzzone. Cambia invece il terzo posto, che qui è occupato da Elena Tronconi dell’Atletica Vallescrivia, che nella generale termina al 52° posto.

Nella categoria 1F, quella delle più giovani in gara, primo posto per Agnese Zuccarino de Le Due Perle (59^ assoluta), davanti a Gaia Mantovani (97^ generale) di Emozioni Sport e a Nicoletta Remotti che chiude al 101° posto assoluto.

Fra le donne della 3F la vittoria è di Barbara Negari della Podistica Valpolcevera (42^ assoluta), davanti a Rose Starreveld della Delta Spedizioni (79^ in classifica generale) e a Nadia Castagnola dell’Emozioni Sport (87^ assoluta).

Infine la categoria 4F ha in Susanna Scaramucci dell’Atletica Varazze la sua campionessa. La varazzina (40^ assoluta) ha lasciato deitro di se le sorelle della Delta Spedizioni Liuba e Ilaria Pasa che hanno chiuso poi rispettivamente al 70° e 80° posto nella classifica generale.