Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

G8: la Corte dei Conti chiede 12 milioni di risarcimenti per le violenze di Bolzaneto

Più informazioni su

Genova. Nuovi sviluppi sul G8 di Genova del 2001, in particolare la procura della Corte dei Conti della Liguria ha chiesto un maxi risarcimento di 12 milioni di euro (di questi 5 per danno di immagine) per le torture subite durante i fatti del G8, nello specifico per le violenze di Bolzaneto.

Nei giorni scorsi hanno ricevuto l’atto di citazione in 28 tra personale medico-sanitario, appartenenti alla Polizia, carabinieri e polizia penitenziaria. Tra questi anche Alfonso Sabella, all’epoca dei fatti capo dell’ufficio ispettorato del Dap ed ex assessore alla Legalità della giunta capitolina guidata da Marino e il generale Oronzo Doria, all’epoca capo area degli agenti di polizia penitenziaria ligure. Sia Sabella che Doria vennero assolti nel processo penale concluso con 33 prescrizioni, 7 condanne e 4 assoluzioni.

Per la procura contabile, Alfonso Sabella, vista la sua elevata posizione ricoperta nell’amministrazione penitenziaria, avrebbe dovuto controllare e vigilare affinché non avvenissero violenze e comportamenti scorretti. Stesse argomentazioni anche per il generale Oronzo Doria. Per l’accusa, entrambi avrebbero dovuto “usando la minima diligenza, approfondire la verifica delle complessive condizioni dei fermati e degli arrestati. Si sarebbero resi conto immediatamente del trattamento inumano e degradante e avrebbero potuto porvi rimedio per la loro superiorità gerarchica”. A loro la procura contabile chiede un risarcimento di 4 milioni per danno patrimoniale e 3 milioni per
danno d’immagine.

Per il pm, oltre al danno patrimoniale, infatti, si aggiunge anche il danno all’immagine dello Stato e delle varie
amministrazioni, quantificato in 5 milioni di euro: gli episodi di violenza avvenuti a Bolzaneto “hanno determinato un danno d’immagine che forse non ha pari nella storia della Repubblica”.