Quantcast
36 oss

Formazione e sanità, i giovani diplomati del Ruffini e Duchessa di Galliera

Generica

Genova. Sono stati consegnati oggi, nella Sala della Trasparenza di Regione Liguria, 36 diplomi di Operatore Socio Sanitario (OSS) ai ragazzi dell’Istituto Vittorio Emanuele Ruffini e della Duchessa di Galliera. A consegnare gli attestati sono state la vicepresidente e assessore alla Sanità, Sonia Viale e l’assessore regionale alla Formazione e Istruzione Ilaria Cavo.

Anche quest’anno, come nel 2015, i giovani diplomati, tutti tra i 18 e i 20 anni, hanno potuto scegliere, dal terzo anno, l’indirizzo di qualifica per operatori socio sanitari, alternando, al percorso di studi, anche la formazione professionale con cinquecento ore di tirocinio oltre alle ore di teoria in modo da arrivare alla fine del quinquennio non solo con il titolo di studio professionale ma anche con la qualifica regionale di operatore socio sanitario.

“In questo modo – spiega l’assessore Cavo – i ragazzi conseguono direttamente la qualifica regionale, che permette loro di accedere direttamente al mondo del lavoro, senza dover svolgere un corso aggiuntivo di mille ore”. Per la vicepresidente e assessore alla Sanità Viale, il percorso formativo “arricchisce la sanità ligure di personale giovane, motivato e qualificato, che avrà l’importante compito di prestare cure alle persone in momenti di malattia e difficoltà”. Lo scorso anno erano stati 38 i ragazzi che avevano scelto l’indirizzo di qualifica per operatori socio sanitari conseguendo il diploma. Erano presenti alla cerimonia di consegna anche i docenti dei due istituti tecnici (i professori Adriana Pesce per l’istituto Vittorio Emanuele II Ruffini e Laura Manerella per l’Istituto Duchessa di Galliera), il responsabile per il progetto dell’Ufficio Scolastico regionale Roberto Peccenni, le referenti del progetto per l’Agenzia Sanitaria regionale Vittoria De Astis e Isabella Roba e la referente per il progetto della Asl 3 genovese Veneranda Guida.

Più informazioni
leggi anche
Fegino, emergenza inquinamento: il giorno dopo
Iplom
Sversamento greggio in Valpolcevera, tempi lunghi per la bonifica