Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Case popolari della Lavagnina, il Comune di Sestri: “Arte e Regione facciano la loro parte”

Sestri Levante. Le case di edilizia pubblica situate nel quartiere della Lavagnina sono di proprietà Arte, Agenzia Regionale Territoriale per l’Edilizia. Sestri Levante conta nel suo territorio circa 200 alloggi, la metà dei quali concentrati nel quartiere periferico in questione.

L’amministrazione Comunale svolge con il suo Ufficio Casa funzione di emanazione dei bandi annuali per le richieste di locazione degli alloggi, gestione della graduatoria, ascolto degli inquilini per quanto riguarda le diverse problematiche che insorgono come ad esempio le morosità e i guasti, e mediazione con ARTE per la risoluzione degli stessi. Ma non solo, molte delle persone che nel tempo hanno occupato gli alloggi sono seguiti dal Servizio Sociale, e nel tempo si è fatta una politica di costante sostegno alla cittadinanza fragile affinché potesse continuare a mantenere la possibilità di avere una casa, nonostante redditi esigui e difficoltà sociali e personali.

Ma non solo. Con la collaborazione della Parrocchia e di diverse Associazioni si continua ad investire per mantenere dei presidi proprio nel quartiere di proprietà Arte. Il Comune si riferisce a La Tenda, centro di aggregazione per persone anziane, al Teatro, che ospita stabilmente tutti i corsi della Filarmonica e i Corsi della TIMEUP, ai Cacciatori che si incontrano regolarmente nella loro sede, fino al Circolo Lavoratori F.I.T., che continua ad assicurare una quotidiana ed importante presenza.

“Il quartiere nel suo complesso è stato oggetto, e ancora lo è, di grandi investimenti da parte del Comune, naturalmente per le aree di propria competenza – dichiara il Sindaco di Sestri Levante, Valentina Ghio – Le Casette
Rosse, il Parco di Via Bruno Primi, l’imminente recupero delle vecchie Casette Rosse con nuovi alloggi e una nuova area per i cittadini, il rifacimento della pista ciclabile e dell’illuminazione. Tutto questo con la preziosissima ed insostituibile collaborazione delle Associazioni della zona e di cittadini che fattivamente collaborano con l’Amministrazione per mantenere e far vivere questo bene questo Comune”.

Sull’argomento interviene anche l’assessore Lucia Pinasco, che chiede anche ad Arte e Regione di fare la loro parte. “Per risolvere la situazione di degrado delle case di edilizia residenziale pubblica qui e altrove in Liguria. Ben vengano gli interventi della parte amministrativa e politica, ma se sono competenti e costruttivi e non strumentali ad attaccare una parte politica. Di questo le persone non hanno mai avuto bisogno”, dichiara.