Quantcast
2015/16

Calcio, la nuova Serie D prende forma: l’ipotesi del girone con le squadre liguri

La composizione dei raggruppamenti catalizza l'attenzione

Lavagnese-Argentina

Genova. La Lega Pro torna a chiamarsi Serie C e si avvia a riacquisire il format previsto, ovvero 60 squadre suddivise in tre gironi.

Con la Serie A e la Serie B confermate rispettivamente a 20 e a 22 squadre, saranno quindi 102 le società professionistiche nella stagione 2015/16.

Per completare la Serie C, dove i posti vacanti sono ben dodici, si ricorrerà a ripescaggi “indiscriminati”, accontentando praticamente tutti: troveranno spazio tra i professionisti Fano (ammesso al posto dello Sporting Bellinzago rinunciatario), Melfi, Fondi, Lupa Roma, Cavese, Racing Roma, Olbia, AlbinoLeffe, Forlì, Taranto, Reggina, Vibonese.

Dato che la domanda della Cavese è sotto indagine della Covisoc, potrebbe trovare spazio in Serie C il Monza. Un ripescaggio che farebbe discutere, dato che i brianzoli lo scorso anno si classificarono decimi in Serie D.

La Serie D, che lo scorso anno contava ben 171 partecipanti, vedrebbe finalmente un calo delle formazioni in soprannumero. Difficilmente, però, si tornerà al format previsto di 162 compagini. Il Pavia, fallito, ha costituito una nuova società; il suo inserimento potrebbe andare di pari passo con quello del Rimini, portando a 164 le squadre al via.

Le liguri saranno ben nove: Argentina, Fezzanese, Finale, Lavagnese, Ligorna, Sanremese, Savona, Sestri Levante, Sporting Recco.

Molto probabilmente saranno inserite tutte nel girone A, insieme alle formazioni piemontesi e lombarde che geograficamente si trovano più vicine alla Liguria. Di certo vi saranno le piemontesi Bra, Casale, Chieri, Cuneo, Pinerolo, Pro Settimo & Eureka e la lombarda Oltrepovoghera.

Incerti i due nomi che completerebbero il raggruppamento. Due nobili decadute, Pavia e Varese, sono le più probabili indiziate.

In alternativa, potrebbero trovare spazio nel girone A Borgosesia, Caronnese, Gozzano o Virtus Verbania.

Dato che, storicamente, il girone A, tra tutti, è stato quello che più volte ha avuto 20 partecipanti, è plausibile che quest’anno, nel caso di squadre in soprannumero, tale destino sia riservato ad un altro raggruppamento.

Come ogni anno, però, alcune situazioni da chiarire sono ancora in alto mare e, per conoscere l’ufficializzazione dei gironi, bisognerà verosimilmente attendere la metà di agosto.