Quantcast
Economia

Amiu, l’Unione Lavoratori invita a vigilare sull’accordo appena siglato

Unione lavoratori di Amiu

Genova. Restare vigili sull’accordo appena firmato che mette “nero su bianco” le richieste avanzate dai lavoratori ma che deve essere applicato. L’Unione Lavoratori Amiu, in un volantino, commenta con soddisfazione l’intesa siglata tra Sindacati, Comune di Genova e Amiu, che ha dato l’avvio alla ricerca di un partner industriale per l’azienda, anche se resta una posizione particolarmente critica verso la privatizzazione.

L’accordo, spiegano i lavoratori, rispetta i punti che erano al sindacato per proseguire nella trattativa, la continuità salariale attraverso il contatto nazionale di Federambiente, il mantenimento degli attuali organici,buon la stabilizzazione dei precari, il mantenimento del ciclo integrato in capo a una sola azienda e lo slittamento della eventuale gara per l’assegnazione del servizio fino alla messa in sicurezza di Amiu.

“Il fatto che i lavoratori abbiamo fatto sentire la loro voce durante l’assemblea di metà giugno – spiega il volantino – e che abbiano continuato a farlo nelle settimane successive ha fatto sì che questi punti venissero messi nero su bianco nell’accordo siglato oggi. Rimane il fatto che la privatizzazione e’ un fatto negativo, e al sindacato continuiamo a rimproverare di non aver fatto nulla per fermarla”.

Per gli aderenti all’Unione Lavoratori Amiu, adesso, “bisognerà vigilare sul rispetto di quanto è stato scritto da interlocutori che sappiamo per esperienza essere inaffidabili. Ma è la dimostrazione che la pressione dei lavoratori – conclude il volantino – può costringere la politica, il sindacato e l’azienda a fare ciò che chiedono. Non dimentichIamolo nei prossimi mesi”.

Più informazioni
leggi anche
amiu
Via al bando
Partner industriale per Amiu: c’è l’accordo con i sindacati, delibera approvata in giunta
amiu
Rifiuti
Amiu, nuovo partner e polemiche: “Bando su misura per Iren”
amiu assemblea
Contestazione
Amiu, al referendum sul contratto nazionale stravince il no: 958 contro 275