Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ventilatori e condizionatori per difendersi dal caldo? Ecco le regole

Genova. Il caldo è (finalmente) arrivato. Una buona notizia per i più ma dal caldo eccessivo e dai malori conseguenti occorre anche difendersi. Ecco i consigli di Lorenzo Sampietro, medico e responsabile dell’area anziani della Asl 3 genovese, che valgono per anziani, bambini ma un po’ per tutti.

Caldo, termometro

“Con il caldo è fondamentale l’idratazione: occorre bene almeno due litri d’acqua al giorno in pratica una decina di bicchieri – spiega – ma per idratarsi viene in aiuto anche l’alimentazione: in estate è buona regola mangiare tata frutta e verdura e se non si soffre di diabete sostituire un pasto con un gelato rinfrescante”. Da evitare invece “i pranzi abbondanti, meglio fare tanti piccoli pasti, i cibi grassi e i fritti”.

Per chi sta in casa “il condizionatore è un elettrodomestico molto utile – spiega il medico – ma non va mai regolato sotto i 25° centigradi sennò lo sbalzo può essere pericoloso”. Anche con il ventilatore ci vuole cautela: “Visto che smuove aria calda, non bisogna mai mettersi direttamente sotto il getto d’aria. E se la temperatura dell’aria arriva sopra i 32° va spento perché si rischia la disidratazione e il conseguente colpo di calore”. Ancora: “Se non si dispone di un condizionatore in casa – consiglia Sampietro – è utile cercare per qualche ora al giorno di sfruttare gli impianti presenti in luoghi pubblici”. Infine l’abbigliamento: “Abiti comodi, possibilmente in tessuto naturale, evitando quelli sintetici”.

E se arriva il colpo di calore? “I sintomi possono essere molto generici, da un malessere generale, nausea, vomito, cefalea. E’ importante fermarsi, chiedere aiuto e rivolgersi al 118”.