Il rendiconto on line

Un anno in Regione, Rete a sinistra fa il bilancio: “Non affrontati i veri problemi”

Gianni Pastorino

Liguria.  Dalla proclamazione ufficiale di Giovanni Toti a presidente della Liguria è passato un anno. Rete a sinistra fa un primo bilancio. “Nell’arco di questa settimana abbiamo iniziato un lavoro di rendicontazione di quanto fatto in consiglio regionale: abbiamo raccolto in una timeline interattiva le tappe principali del primo (inutile) anno di governo del centrodestra”, si legge nella nota.

“Un mandato costellato di aumenti dei costi della politica, con la proposta di aumentare le poltrone creando tre nuovi sottosegretari, e nessun atto a favore dei cittadini – fanno sapere dal direttivo di Rete a sinistra –  Il piano casa e il growth act, la legge sulla crescita, non hanno prodotto risultati tangibili se non un bel regalo a pochi privilegiati che ora possono investire con più libertà nel cemento. I veri problemi della nostra regione non sono stati affrontati”.

I primi due capitoli di questo rendiconto sono stati pubblicati in questi giorni. Il primo ricorda l’approvazione del piano casa e la conseguente contro proposta elaborata da Rete a Sinistra di un “piano verde”. Il secondo spiega la proposta di “opportunità scuola”, la nostra legge per dare gratis i libri di testo agli studenti tagliando i costi della politica, che Toti ha impedito fosse votata.

Per favore, disabilita AdBlock per continuare a leggere.

Genova24 è un quotidiano online gratuito che non riceve finanziamenti pubblici: l’unica fonte di sostegno del nostro lavoro è rappresentata dalle inserzioni pubblicitarie, che ci permettono di esistere e di coprire i costi di gestione e del personale.
Per visualizzare i nostri contenuti, scritti e prodotti da giornalisti a tempo pieno, non chiediamo e non chiederemo mai un pagamento: in cambio, però, vi preghiamo di accettare la presenza dei banner, per consentire a Genova24 di restare un giornale gratuito.