Spese pazze Liguria, parte il processo e la Regione non chiede i danni - Genova 24
Peculato e falso

Spese pazze Liguria, parte il processo e la Regione non chiede i danni

Alla sbarra 23 tra ex ed attuali consiglieri regionali

tribunale di genova

Genova. La Regione Liguria non ha chiesto di essere parte civile e quindi non chiederà i danni nel processo per le spese pazze. E’ questa la novità nel processo per gli acquisti personali fatti coi fondi regionali nel periodo compreso tra il 2010 e il 2012.

Iniziato oggi, vede imputati 23 ex e attuali consiglieri regionali. Ammesso invece come parte civile il Codacons, l’associazione per la difesa dei consumatori. Il processo è stato poi rinviato al prossimo tre ottobre.

A processo, oltre all’attuale assessore allo Sviluppo economico Edoardo Rixi e il presidente del consiglio regionale Francesco Bruzzone, anche Matteo Rosso, capogruppo di Fratelli d’Italia e poi tutti gli ex componenti dell’Ufficio di presidenza del Consiglio regionale negli anni 2010-2012 fra i quali Rosario Monteleone, allora presidente (Udc), Michele Boffa (Pd), Giacomo Conti (Fds), Massimo Donzella (Udc). Le accuse, a vario titolo, sono di peculato e falso.

leggi anche
frecce tricolori maroni toti
Il commento
Spese pazze, Toti difende Bruzzone: “Sembra una farsa”
tribunale di genova
Liguria
Spese pazze in Liguria, viaggi e ristoranti: Fabio Broglia indagato per peculato
Spese pazze Regione scontrini Pd
Pd
Spese pazze in Regione, le motivazioni dell’assoluzione di Miceli e Amelotti
palazzo regione
362 mila euro
Spese pazze in Regione Liguria: Corte dei Conti mette in mora 36 ex consiglieri
consiglio regionale
2008
Spese pazze, Corte dei Conti chiede risarcimento all’ex Idv Muratore
ignazio messina
Politica
Spese pazze, Messina (Idv) a Salvini: “L’unica schifezza sono le tue dichiarazioni”
regione liguria
Spese pazze
Spese pazze, Bianchi: “Sono sereno, sempre agito secondo normative”
Rixi Salvini
Attacco ai magistrati
“Spese pazze” Salvini riconferma la fiducia a Edoardo Rixi