Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Poca pioggia su Genova e Tigullio, Arpal si difende: “Questa è l’allerta gialla”

Più informazioni su

Liguria. Su Genova questa mattina splendeva il sole. Eppure proprio nelle stesse ore era in vigore un’allerta di colore giallo, poi conclusasi attorno alle 12. Immediate sono state le polemiche, con la Protezione civile e Arpal, l’agenzia regionale incaricata delle previsioni meteo, accusati di eccessivo allarmismo.

A stretto giro arriva però la risposta dei previsori: “La situazione meteorologica che si sta verificando in queste ore in Liguria – spiegano – rappresenta “per definizione” l’allerta gialla per temporali: lo stato di allerta giallo è il più basso, e richiama possibili effetti al suolo generalmente localizzati; il fenomeno dei temporali può essere descritto in termini di probabilità, e solitamente interessa solo una porzione e non l’intera area di allertamento”.

“Il temporale è il fenomeno meteo più difficile per ogni previsore, perché è impossibile definire con l’anticipo e la precisione che tutti vorremmo dove, come e con che intensità colpirà; la Liguria è una delle zone europee utilizzata per testare al massimo le simulazioni della modellistica internazionale. Negli anni passati abbiamo avuto temporali devastanti (forti, organizzati e stazionari) e – a poche decine di chilometri di distanza – zero precipitazioni, oppure modelli completamente concordanti con il 100% di possibilità di superare la piena del Magra e fenomeni che si “fermano” sull’Entella, causando l’alluvione di Chiavari”.

“Le uscite modellistiche degli ultimi giorni – continua Arpal – sono state molto altalenanti, hanno spostato le piogge da Savona alla Toscana, e solo con l’avvicinarsi degli eventi si può essere precisi: questa notte abbiamo avuto precipitazioni deboli anche su Genova, e dall’alba in poi le piogge si sono concentrate dopo il monte di Portofino, verso la Toscana. Non si è trattato di una perturbazione organizzata, ma di fenomeni che hanno insistito sulle stesse zone per via di una circolazione locale nei bassi strati dell’atmosfera. Questa mattina lo scroscio più intenso è stato forte, con 37,2 mm caduti fra le 8.05 e le 9.05 a Framura. Nella stessa ora a Genova splendeva il sole”.