Omicidio Pontedecimo, parenti della vittima chiedono danni al Comune - Genova 24
Causa

Omicidio Pontedecimo, parenti della vittima chiedono danni al Comune fotogallery

Un vigile urbano era presente sul posto e non è intervenuto

Genova. Rischia di pagare anche il Comune di Genova, dopo l’omicidio di lunedì scorso a Pontedecimo. L’avvocato Maurizio Mascia, che assiste i familiari della vittima Francesco Larosa, ha inviato una lettera di richiesta danni a Tursi.

L’iniziativa nasce “dall’omesso intervento del vigile urbano che era presente al momento dell’omicidio e del ferimento dei tre familiari della vittima”. “Dai video che circolano in rete – ha affermato l’avvocato Mascia – emerge obiettivamente che un intervento era doveroso”.

La posizione del vigile urbano è al vaglio del sostituto procuratore Alberto Landolfi. L’omicidio è stato ripreso dalle telecamere di sorveglianza che la vittima aveva fatto installare proprio per i frequenti litigi con i parenti. Dalle immagini si vede l’inizio della discussione, poi degenerata, davanti al vigile.

leggi anche
Omicidio in famiglia a Bolzaneto
Le indagini
Omicidio Pontedecimo, in casa dell’assassino proiettili compatibili con quelli sparati contro la baracca dei Larosa
Omicidio in famiglia a Bolzaneto
Il video e la ricostruzione
Omicidio a Pontedecimo, l’accoltellamento ripreso dalle telecamere di sorveglianza
omicidio via tecci bolzaneto
Via tecci
Lite tra parenti a Pontedecimo per delimitare la proprietà: un morto e 3 feriti a coltellate
omicidio via tecci bolzaneto
Causa
Omicidio Pontedecimo, parenti della vittima chiedono danni al Comune
omicidio Pontedecimo
Le indagini
Omicidio Pontedecimo, indagato per “concorso” il vigile che non è intervenuto
Omicidio in famiglia a Bolzaneto
Le dichiarazioni
Omicidio Pontedecimo, il vigile che non è intervenuto: “Ho avuto paura”
omicidio via tecci bolzaneto
Sentenza il 22 febbraio
Omicidio Pontedecimo, pm chiede 18 anni per Bruzzese e 3 anni per il vigile che non è intervenuto