Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Muay Thai: un genovese campione a Marsiglia fotogallery

Più informazioni su

Genova. Un genovese campione di Muay Thai, in Francia. Shan Cangelosi, thai boxer genovese, ha vinto sabato sera il prestigioso torneo Gala du Phénix (Marsiglia) giunto alla sua 13esima edizione, davanti a migliaia di persone.

Cangelosi, della palestra Sanpayak Gym Cangelosi, ha battuto due atleti francesi, conquistando il pubblico di casa. L’evento, seguitissimo dai media locali e nazionali francesi, ha avuto il evento clou proprio nel torneo meno 66kg di Muay Thai, che ha visto come protagonisti oltre all’atleta genovese, Arthur Dutourne (Team Ziane, Nizza), Tarek Gouermourdi (Phenix, Marsiglia), Medhi Berisha (Carcharias Boxing Team, Perpignan).

La prima semifinale ha visto la vittoria di Cangelosi su Arthur Dutourne, forte thai boxer francese recentemente tornato da un soggiorno di quattro mesi in Tailandia, paese natale della Muay Thai. Nonostante un inizio difficoltoso, Cangelosi è prontamente riuscito a portare il match nei binari giusti, assestando combinazioni di braccia e gambe, dimostrandosi superiore al francese nella fase di corpo a corpo (clinch). Alla fine del terzo round, anche grazie ad una migliore condizione atletica, i giudici hanno assegnato la vittoria ai punti a Shan Cangelosi.

Nella seconda semifinale, Medhi Berisha ha perso ai punti contro Tarek Gouermurdi, che ha dovuto però rinunciare alla finale a causa di una frattura alla mano subita durante l’incontro.
Cangelosi, già virtuale vincitore del torneo, ha acconsentito a confrontarsi comunque in una finale con il “ripescato” Berisha, con il quale ha dato vita ad un incontro che ha saputo entusiasmare i presenti.

Cangelosi, mancino, ha dominato l’incontro, per quanto abbia ricevuto nel secondo round una gomitata diretta sul volto che gli ha procurato una frattura dell’arcata orbitale inferiore dell’occhio, che si è scoperta solo successivamente. Il medico interviene per capire se si possa proseguire o meno e, d’accordo con l’atleta genovese, si decide di andare avanti. Il genovese controlla il match e conquista una vittoria all’unanimità, con il pubblico francese dalla sua parte.