Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Maturità 2016, la seconda prova: Isocrate al Classico, progettazione di un serbatoio allo Scientifico

Al Linguistico un articolo del Guardian

Più informazioni su

Genova. E’ il giorno della seconda prova per i maturandi del 2016: dalle 8,30 di questa mattina, quando il plico telematico è stato aperto, le tracce sono state svelate. Al Liceo Classico gli studenti sono alle prese con la versione di greco di Isocrate, mentre allo Scientifico a tenere banco è un problema legato alla progettazione di un tubo di gasolio.

“Vivere secondo giustizia non è solo corretto ma anche conveniente per il presente e per il futuro”. E’ tratta dal discorso “Sulla pace” di Isocrate (paragrafi 34-35-36) la versione di greco uscita al liceo classico nella maturità 2016. Pubblicato nel 356 a.C., si tratta del primo discorso che Isocrate sulla politica interna. “Isocrate – si legge nella traccia della seconda prova – esorta i suoi concittadini a non cadere nella trappola dell’ingiustizia. Chi viola le norme si illude di trarne un vantaggio immediato ma alla lunga finisce in rovina”

“L’amministratore di un condominio alle prese con l’installazione di un serbatoio per il gasolio per il riscaldamento. Non essendo soddisfatto dei modelli in commercio ti incarica di progettarne uno che risponda alle esigenze del condominio”. E’ uno dei problemi proposti al liceo Scientifico (opzione scienze applicate). Alla richiesta seguono specifiche tecniche e una serie di quesiti matematici per descrivere la forma del serbatoio e per realizzare un indicatore graduato per collegare il livello di riempimento del serbatoio al volume di gasolio effettivamente presente.

Un secondo problema ha un approccio più classico: rappresentata in figura una funzione continua e derivabile da zero a infinito in R e sono indicati alcuni punti significativi sull’asse cartesiano segue una serie di richieste. Per quanto riguarda poi gli altri quesiti, 7 su 10 sono legati ad argomenti di geometria analitica o di analisi; 2 sono
sul calcolo delle probabilità (uno di questi al gioco degli scacchi) e un altro è di geometria solida sul calcolo di un volume di un liquido in un recipiente.

Al liceo per le Scienze umane ai candidati alla maturità è stato proposto un confronto tra i sistemi scolastici in Italia e in Europa; per l’indirizzo economico sociale è stato scelto un brano di Meuccio Ruini sulla funzione della scuola e libertà di insegnamento.

All’istituto tecnico, indirizzo amministrazione, finanza e marketing, dove per il secondo scritto e’ “uscita” Economia aziendale, i candidati devono affrontare questo tema: c’e’ una società che lavora nel mercato della meccanica di alta precisione. Un mercato dove la società ha un altro grande competitor e una serie di piccole imprese non concorrenziali.

Di questa società viene fornito un estratto del report mensile. Nella prima parte bisogna redigere il budget e presentare lo stato patrimoniale e il conto economico, nella seconda parte bisogna scegliere 2 fra 4 quesiti proposti che riguardano la redazione di varie tipologie di report e analisi finanziarie proposte all’interno dei quesiti stessi.

All’Artistico, prova diversa a seconda dell’indirizzo. Per design viene richiesto di realizzare il progetto di un prodotto di arredo o ludico per un asilo dai 3 ai 5 anni.

Per l’indirizzo architettura: i ragazzi devono progettare una palestra rispettando il verde presente nell’area e l’ambiente circostante. Per l’indirizzo figurativo: il lavoro da produrre dovrà essere ispirato al dadaismo.

Per gli Istituti professionali per i servizi enogastronomici la seconda prova è un tema sul modo corretto di alimentarsi.

La terza e ultima verifica scritta, il quizzone, differente per ciascuna scuola (la preparano le commissioni a differenza delle prime due che vengono predisposte dal ministero) si svolgerà, dopo la pausa del fine settimana, lunedì 27 giugno. Poi i maturandi dovranno affrontare soltanto l’ultima fatica, cioè la temutissima prova orale.

Quest’anno la maturità riguarda mezzo milione di studenti, 487.476 interni e 15.976 esterni.