La ricarica Postepay è una truffa: in manette 39enne - Genova 24
600 euro

La ricarica Postepay è una truffa: in manette 39enne

tabaccheria

Genova. E’ entrato dentro un tabaccheria per effettuare una ricarica Postepay a favore di sua sorella, del valore di 600 euro, ma al momento di pagarla ha trovato una scusa ed ha cercato di scappare.

L’uomo, un monzese di 39 anni, con svariati precedenti per truffa, dopo che la tabaccaia gli ha confermato che l’operazione era andata a buon fine, ha fatto finta di essersi dimenticato i soldi e le ha detto che sarebbe uscito un attimo per prelevare la somma da consegnarle.

Mentre il 39enne si allontanava in direzione di un bancomat, la proprietaria del tabacchino, colta da sospetto, ha chiesto ad un suo conoscente, lì presente, di seguirlo. Ed infatti la sua intuizione è stata giusta, il truffatore, appena uscito dall’esercizio, ha cercato la fuga ma è stato bloccato immediatamente dal suo inseguitore. Gli agenti intervenuti hanno tratto in arresto il 39enne per truffa scoprendo che la ricarica era stata eseguita a favore di una donna milanese, che non è sua sorella, anche lei pregiudicata per i medesimi reati.

Più informazioni
leggi anche
carcere pontedecimo
In manette
Decine di colpi in nord Italia e a Genova: truffatrice tradita dalle impronte digitali
Gang rom, furti di oro e gioielli negli appartamenti di lusso
Raggirata
Falsi avvocati in azione, anziana truffata a Genova: bottino da 20 mila euro
carabinieri
Decine di denunce
Truffa e circonvenzione di incapace: genovese arrestato ad Alessandria
lavagna panorama
Inadempiente
Lavagna, l’assicurazione è una “truffa”: denunciato broker
Gang rom, furti di oro e gioielli negli appartamenti di lusso
Lo stratagemma
Finti avvocati in azione anche a Rapallo, anziana truffata e derubata. L’appello dei figli: “State attenti”