Ericsson, venerdì i dettagli del nuovo piano industriale: sindacati preoccupati dagli ‘adeguamenti occupazionali' - Genova 24
Ore di attesa

Ericsson, venerdì i dettagli del nuovo piano industriale: sindacati preoccupati dagli ‘adeguamenti occupazionali’

Allegretti: "Avevamo chiesto a Rixi di chiedere chiarimenti all'azienda, ma non abbiamo avuto riscontri"

Protesta dei lavoratori di Ericsson agli Erzelli

Genova. Si svolgerà venerdì mattina presso il campus di Ericsson a Roma l’incontro tra azienda e sindacati Slc Cgil, Fistel-Cisl, Uilcom-Uil e Ugl Tlc in cui verranno illustrati i dettagli del piano industriale. Un mese fa, sempre a Roma, l’azienda aveva presentano a grandi linee il piano e rinviato ad un successivo incontro per l’illustrazione dei dettagli. Rispetto all’occupazione (circa 4 mila dipendenti in totale di cui 660 a Genova) i vertici si sono limitati ad accennare ad un “adeguamento occupazionale”.

“Siamo preoccupati – spiega Fabio Allegretti, segretario Slc Cgil Genova – visto che negli ultimi anni a Genova il personale si è quasi dimezzato e che contemporaneamente a livello nazionale sono state attivate 12 procedure di licenziamento collettivo”.

Anche per questo venerdì 3 giugno, nell’ambito dell’incontro avvenuto in Regione per parlare della crisi industriale savonese i sindacati di Ericsson hanno incontrato l’assessore allo Sviluppo economico Edoardo Rixi che si è impegnato a sentire l’azienda per conoscerne le intenzioni: “Ma da allora non abbiamo avuto alcun riscontro – lamenta Allegretti – solo un mese fa all’inaugurazione della nuova sede di Esaote sia lui che il sindaco di Genova hanno celebrato l’operazione Erzelli ma noi chiediamo che prima ancora di occuparsi di chi potrebbe venire a insediarsi di monitorare che le aziende che ci sono non se ne vadano”.

leggi anche
erzelli ericsson
137 esuberi
Esuberi in Ericsson, Rixi e Toti: “Nelle prossime ore incontro con azienda”. I parlamentari Pd preparano interrogazione urgente
ericsson protesta regione
Trattativa
Ericsson, Regione Liguria chiede piano industriale e salvaguardia posti di lavoro