Ericsson, la multinazionale svedese rifiuta di sedersi al tavolo al Mise e l’incontro salta - Genova 24
Il rifiuto

Ericsson, la multinazionale svedese rifiuta di sedersi al tavolo al Mise e l’incontro salta

Protesta dei lavoratori di Ericsson agli Erzelli

Genova. E’ saltato l’incontro al ministero dello sviluppo economico che avrebbe dovuto tenersi domani sulla vertenza Ericsson che ha deciso 147 esuberi su Genova e quasi 400 in tutta Italia.

L’azienda nella giornata di ieri ha fatto sapere al ministero di non dovere intervenire alla riunione perché ritiene che “il confronto di merito deve svolgersi per la fase esclusivamente sindacale nelle sedi delle associazioni industriali cui le aziende stesse appartengono”. Il Mise ha confermato la propria disponibilità ad attivare il confronto tra le parti ma per forza di cose ha dovuto annullare l’incontro di domani.

Agitazione tra sindacati e lavoratori che potrebbero dar vita a nuove proteste contro una decisione che ritengono “inaccettabile”.

leggi anche
ericsson protesta
Nuove proteste
Ericsson, Rixi: “Brutto segnale”. Lavoratori bloccano casello Genova Aeroporto,
Protesta dei lavoratori di Ericsson agli Erzelli
Appello
Ericsson, il Comune di Genova: “Il Governo convochi l’azienda”
Ericsson, sciopero e corteo a Genova
Mobilitazione
Ericsson, continua la protesta: sciopero e corteo a Genova
volantinaggio ericsson
Erzelli
Ericsson, M5S: “Pd, Rixi e Doria in corteo: hanno portato lavoratori allo sfacelo”
Ericsson, sciopero e corteo a Genova
Nessuna risposta
Ericsson, ancora alta tensione: nuovo sciopero a Genova
ericsson
8 luglio sciopero nazionale
Ericsson, è di nuovo sciopero: pressing su governo e azienda per nuovo tavolo
ericsson sciopero sopraelevata
150 esuberi
Vertenza Ericsson, nuovo sciopero in arrivo: manifestazione il 5 luglio