Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Casa della Salute in Valpolcevera: il poliambulatorio di via Bonghi (per ora) non sarà smantellato

Chiude via Canepari a Certosa. Probabile il trasferimento della Ghirotti al Celesia. A giorni tavolo di confronto sulla proposta della Asl3

Genova. Non verrà cancellato il poliambulatorio di via Bonghi a Bolzaneto almeno nella prima fase della riorganizzazione del distretto sanitario della Valpolcevera che prevede la realizzazione della nuova Casa della Salute nell’ex ospedale Pastorino. La struttura, di proprietà della Asl, manterrà le sue funzioni e solo in seguito a un periodo di monitoraggio successivo al completamento del riordino, ne verrà valutata un’eventuale chiusura.

La proposta di riorganizzazione formulata dalla Asl 3 prevede che l’ex ospedale di Bolzaneto dove attualmente restano solo i 12 posti letto della Gigi Ghirotti diventi un polo per la riorganizzazione socio sanitaria dove avranno sede: i servizi sanitari alla persona (Consultorio, servizi per disabili, cure domiciliari, cure palliative), i servizi sociali, le equipe integrate sociosanitarie per la disabilità e l’equipe multidisciplinare per la gestione delle misure sociosanitarie e il distretto sociosanitario.

L’ex ospedale Celesia (dove è stato temporaneamente trasferito il Sert di Sampierdarena in attesa di trovare due sedi una proprio per Sampierdarena e una per la Valpolcevera) avrà la funzione di polo della residenzialità. All’rsa di prima fascia appena trasferita e a quella di mantenimento già esistente si dovrebbe aggiungere proprio la Gigi Ghirotti. Inoltre al Celesia resta la piastra ambulatoriale, la commissione invalidi, il cup e il centro Prelievi.

Se il poliambulatorio di via Canepari a Certosa verrà a gradualmente dismesso è destinato a sopravvivere (almeno per un po’, quindi) quello di via Bonghi a Bolzaneto, dove restano Cup, sportello unico distrettuale, centro prelievi e vaccinazioni.

Infine nell’ospedale Gallino di Pontedecimo restano gli attuali servizi: cup, ambulatori specialistici, consultorio, 118, e una parte dell’rsa trasferita dal Pastorino.

La prossima settimana verrà convocato un incontro con tutti i soggetti firmatari del protocollo d’intesa del marzo 2015 (Comune, Regione, Municipio, sindacati e Asl), per condividere quali funzioni siano essenziali per la Casa della Salute.

Sul completamento della Casa della Salute è intervenuto in consiglio regionale il consigliere del Pd Giovanni Lunardon lamentando un ritardo da parte della Regione nella realizzazione dell’intervento.