Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Area ex Boero, arrivano le gru e il presidente rassicura i commercianti “spazi per negozi di territorio”

Più informazioni su

Gwnova.
“Il privilegio dei negozi che sorgeranno nell’area ex Boero viene dato, prima di tutto, ai commercianti della zona di Molassana. Questo è l’impegno che si è assunto chi costruisce”. Il presidente del Municipio Media Val Bisagno, Agostino Gianelli rassicura i commercianti di Molassana in merito ai lavori che cambieranno il volto della zona anche perché, spiega il Presidente “se fosse costruito un grosso centro commerciale si rischierebbe la chiusura di molti esercizi messi già a dura prova dalla crisi economica che investe il paese”.

Cantiere ex boero Molassana

Ma aldilà delle preoccupazioni del mondo del commercio questo nuovo insediamento, unito ai lavori per il Por, rappresenta veramente una svolta per il quartiere. “Adesso partono i lavori di strutture esterne – spiega Gianelli – anche perché una delle prime cose che abbiamo voluto, e questo è stato uno dei pochi casi, sono stati gli oneri di urbanizzazione, con la messa in sicurezza del torrente Ca de Rissi, che allagava sempre le strade limitrofe, vengono fatti prima dell’opera che il proprietario richiedeva.

Adesso, finalmente, dopo un periodo che potremmo definire di stanca, sono arrivate le gru, le macchine per il movimento terra e i ritardi che i privati avevano nel costruire su quest’area possono benissimo essere recuperati. È presto, con i lavori previsti dal Por e questo insediamento si potrà vedere il nuovo aspetto di Molassana.

“In quest’area si provvederà alla messa in sicurezza di tre rivi, oltre al Ca de Rissi anche il Bernardini e l’Olmo, ma abbiamo richiesto anche la realizzazione di una sala multiuso, con dento la biblioteca, uno spazio teatrale e un asilo. Questi sono gli oneri di urbanizzazione ma, attraverso un percorso partecipato abbiamo raggiunti l’accordo per la costruzione di due caseggiati che saranno di 10 piani, e non di 20 come era previsto inizialmente, una piazza con tanto verde, giardini e negozi”.