Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Alcol, è allarme bambini: binge drinking anche a Genova

Più informazioni su

Genova. Il consumo di alcol tra gli adulti non è una novità. Lo dicono i numeri: in Liguria e in provincia di Genova, il dato risulta ancora una volta costante. Ma c’è un altro dato, ancora più drammatico. Direttamente dall’Istituto Superiore di Sanità: tra i giovani, parliamo anche di bambini, si registrano “troppi casi di consumo di alcol”.

E più precisamente: tra la popolazione giovanile, il 40% sotto i 18 anni ha già consumato bevande alcoliche. Un fenomeno allarmante se si considera, tra l’altro, che ai minori ne è vietata la vendita. “Ed è un dato che non ci possiamo permettere”, ha stigmatizzato Gianni Testino, responsabile del Centro Alcologico Regionale presso l’Ospedale San Martino, oggi in Regione Liguria per la presentazione di “Alcol e patologie correlate. Rete integrata ospedale/territorio”.

Una fotografia inquietante: bambini tra gli 11 e i 15 anni fanno già uso di alcol. Inoltre, l’1,5% ha già utilizzato la sostanza secondo le modalità del binge drinking, la moda giovanile, nata oltre Manica, di bere quanto si può (nel fine settimana soprattutto) per ubriacarsi e perdere il controllo.

“Ricordiamo che un bambino assumendo alcol rischia più di altri – ha spiegato Testino – al di sotto dei 18 anni abbiamo infatti un 38% di probabilità in più di evolvere verso la dipendenza, oltre ai danni arrecati al sistema nervoso centrale”. Perché se è vero che data la giovane età il recupero è possibile, l’avvertimento del professore, è altrettanto vero che “se la modalità di consumo prosegue per uno o due anni le lesioni cerebrali diventano irreversibili”.

L’alcol c’è da sempre, e ormai è anzi un consumo normalizzato nella società contemporanea. “Questo consente ai ragazzi di accedere senza problemi alle bevande – ha concluso Testino – e poi c’è tutta una serie di messaggi da scalfire, che legano alcol e salute, alcol-sport, alcol-successo e che spingono i giovani a usare la sostanza per acquisire una (finta) leadership nel gruppo”.