Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Una nuova rsa nell’ex ospedale Celesia, Viale: “Primo tassello per la nuova casa della salute”

Genova. Una nuova residenza sanitaria riabilitativa dotata di 25 posti letto e un centro di educazione motoria, entrambi trasferiti dall’ex ospedale Pastorino di Bolzaneto, sono stati inaugurati questa mattina dal presidente della Regione Liguria Giovanni Toti e dall’assessore regionale alla Salute Sonia Viale all’interno dell’ex ospedale Celesia di Rivarolo. La struttura che già ospita una rsa di mantenimento per anziani, sportelli Cup e diversi ambulatori, viene da oggi di nuovo utilizzata pienamente.

Generica

“E’ una prima risposta ai cittadini della Valpolcevera – spiega l’assessore regionale alla Saluta Sonia Viale – una risposta attesa da tempo che include sia l’apertura di questa residenza sanitaria riabilitativa che vuole dare risposte sopratutto a una popolazione anziana con evidenti criticità ma che è anche collegata alla realizzazione della Casa della Salute in Valpolcevera”. La scelta della Regione è stata quella di riutilizzare le strutture già esistenti “per fare anche i conti con questioni di Bilancio – ricorda Viale – visto che le altre ipotesi che ho trovato sul tavolo quando mi sono insediata era il recupero di strutture fatiscenti che avrebbero avuto costi altissimi e tempi di realizzazione molto più lunghi”. “E’ un progetto di efficientamento di strutture che già c’erano e non venivano pienamente utilizzate – ribadisce il presidente Toti – è un modo intelligente di utilizzare le risorse della sanità che sono scarse e una struttura, infine, che sorge in una posizione geograficamente bella. Insomma questa è una buona giornata per la sanità ma non sarà l’ultima”.

Il direttore generale della Asl 3 Luciano Grasso spiega i prossimi passaggi: “Dopo questo trasferimento possiamo cominciare i lavori all’interno dell’ex Pastorino. Non si tratta di lavori ingenti visto che anche quella struttura è in buone condizioni. Per la realizzazione della casa della salute prevediamo un primo trasferimento in tempi ci auguriamo molto brevi di parte degli ambulatori mantenendo in un primo tempo la struttura di via Bonghi fino al completamento definitivio della casa della salute”