Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Terzo Valico, Cociv: “Attenzione a sicurezza, orari e ambiente di lavoro”

Più informazioni su

Genova. “Sicurezza, orari e ambiente di lavoro, sono aspetti a cui il Consorzio attribuisce primaria importanza ed attenzione e per i quali garantisce un’adeguata organizzazione e attuazione di tutti i presidi necessari ad assicurare ai lavoratori adeguata tutela nell’esecuzione dei lavori e nelle fasi di riposo presso le strutture logistiche dedicate. Ogni problematica emersa e/o segnalata è sempre stata affrontata e risolta con la massima attenzione e tempestività e coordinandosi con tutti gli organi di controllo preposti e le rappresentanze sindacali”. Questo è quanto si legge in una nota del Cociv, General Contractor per la realizzazione e la progettazione del Terzo Valico in relazione alla protesta degli edili.

“Non esistono situazioni con carenza di acqua potabile, che è garantita attraverso i sistemi pubblici di distribuzione (acquedotto) o, in assenza, attraverso la presenza continua di distributori di acqua potabile a cisterne intercambiabili, come pure non esistono carenze nella dotazione dei servizi igienici e impianti di depurazione nei cantieri – prosegue la nota – Le condizioni economiche e normative applicate al personale del Consorzio sono palesemente migliorative rispetto al CCNL ed al CCPL di categoria; da ultimo, nel luglio 2015, è stato sottoscritto un accordo con le OO.SS. di categoria dell’intera Tratta che prevede, tra le altre numerose condizioni di miglior favore, anche un sistema premiale che assicura ai lavoratori riconoscimenti economici semestrali a fronte del corretto completamento del programma di produzione di periodo, da concordarsi con le stesse rappresentanze sindacali dei lavoratori”.

“Per quanto sopra esposto e chiarito Cociv mira a perseguire da sempre un leale e corretto confronto tra le Parti, che tenga responsabilmente conto del contesto in cui il Consorzio opera, degli obiettivi già raggiunti dalle Parti a seguito di laboriosi percorsi di negoziazione e mediazione sulla base della reciproca buona fede e correttezza”, termina la nota.