Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Successo assoluto per il Trofeo “Città di Rapallo”

Oltre duemila accessi al giorno e squadre da tutta l'Italia, Francia, Austria e Svizzera. Soddisfatto il presidente del Rapallo Nuoto, Alessandro Martini: "Ma bisogna incrementare l'accoglienza"

Grande riscontro per il Trofeo Internazionale di nuoto “Città di Rapallo” giunta all’VII edizione. L’evento organizzato dalla Rapallo Nuoto in collaborazione con l’amministrazione comunale, era rivolto agli atleti delle categoria Esordienti A, Ragazzi e Assoluti. Le gare si sono svolte alla piscina del Poggiolino, che è stata gremita per due giorni di sole e sport davvero di alto livello. Gli organizzatori si sono detti estremamente soddisfatti per un esito che è andato oltre le più rosee aspettative.

Una grande soddisfazione per la Società gialloblu che traspare dalle parole del presidente Alessandro Martini«Questa volta ci siamo superati – sottolinea – grazie al lavoro dei nostri dipendenti, dei dirigenti, dei genitori, degli allenatori, degli atleti, dei Volontari del Soccorso Sant’Anna, del Sestiere Seglio, degli amministratori della Città di Rapallo siamo riusciti ad organizzare una manifestazione perfetta che in due giorni ha visto gareggiare ed assisterete sugli spalti oltre duemila persone al giorno, numeri importantissimi».

L’auspicio per le prossime edizioni è coinvolgere ancora di più il tessuto cittadino: “L’unico neo è che la città di Rapallo e soprattutto i suoi commercianti non abbiano avuto la possibilità di vivere questo evento che porterebbe a Rapallo nuovi sviluppi e presenze turistiche – osserva ancora il presidente della Rapallo Nuoto – Il nostro prestigiosissimo Trofeo di Nuoto Internazionale Città di Rapallo Coppa Head ospita ragazzi (e genitori) provenienti da tutta la Liguria, Lombardia, Piemonte, Veneto, Trentino, Friuli, Toscana, Lazio, Emilia Romagna, Umbria, Svizzera (Lugano e Locarno) Francia ed Austria.

Purtroppo però, ogni anno, solo una piccolissima percentuale di atleti ed accompagnatori riescono a trovare una sistemazione alberghiera nella nostra splendida  cittadina mentre vengono accolti a braccia aperte nella Riviera di Levante, a partire da Genova fino a Sestri Levante. Sia chiaro, la mia non vuole essere una critica verso gli albergatori di Rapallo, non spetta certo a me capire le strategie aziendali altrui; tuttavia reca dispiacere non riuscire a coinvolgere tutti i settori di Rapallo non solo in occasione delle manifestazioni sportive, ma anche per quelle che riguardano turismo, economia e cultura».