Spese pazze in Liguria, viaggi e ristoranti: Fabio Broglia indagato per peculato - Genova 24
Liguria

Spese pazze in Liguria, viaggi e ristoranti: Fabio Broglia indagato per peculato

tribunale di genova

Liguria. L’ex consigliere regionale dell’Italia di Mezzo (prima Udc e poi passato al Pd) Fabio Broglia è indagato per peculato dal sostituto procuratore Massimo Terrile. Il suo nome era salito agli onori della cronaca anche negli anni Settanta, quando venne rapito all’uscita da una discoteca a Milano e liberato dopo 23 giorni.

Secondo l’accusa, l’ex consigliere nel periodo compreso tra il 2008 e il 2010, avrebbe speso per acquisti personali oltre 119 mila euro di fondi destinati dalla Regione al partito, di cui era unico componente. Nei giorni scorsi il pm ha inviato l’avviso di conclusioni indagini.

In particolare, secondo quanto appurato dal nucleo di polizia tributaria della Guardia di finanza, Broglia si sarebbe fatto rimborsare l’acquisto di occhiali, taxi, viaggi per i suoi collaboratori, la spesa dal fruttivendolo, pranzi a Milano nel ristorante di Dolce & Gabbana, e in altri locali e pizzerie. E, ancora, acquisti da Ikea e Leroy Merlin, libri, telegrammi e cartoleria. L’inchiesta era nata dalla trasmissione degli atti da parte della Corte dei conti.

I magistrati contabili lo scorso anno avevano aperto un’istruttoria per chiedere la restituzione delle cifre indebitamente spese dai consiglieri regionali nel periodo compreso tra il 2008 e il 2009. Per la procura contabile, in totale, il danno erariale ammonterebbe a quasi 2 milioni.

leggi anche
Spese pazze Regione scontrini Pd
Pd
Spese pazze in Regione, le motivazioni dell’assoluzione di Miceli e Amelotti
palazzo regione
362 mila euro
Spese pazze in Regione Liguria: Corte dei Conti mette in mora 36 ex consiglieri
consiglio regionale
2008
Spese pazze, Corte dei Conti chiede risarcimento all’ex Idv Muratore
tribunale di genova
Peculato e falso
Spese pazze Liguria, parte il processo e la Regione non chiede i danni