Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Non sopportano la separazione e scappano: fidanzatini ritrovati al Porto Antico

Più informazioni su

Genova. Ieri mattina, grazie ad un’articolata attività investigativa avviata dall’Ufficio Minori e dall’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura di Genova, la Polizia di Stato ha rintracciato al Porto Antico, dopo diverse notti trascorse fuori casa, una coppia di giovani fidanzatini, rispettivamente di 14 e 17 anni.

I due ragazzi si erano conosciuti circa un anno fa in una comunità per minori fuori provincia, a cui erano stati affidati a seguito di ordinanza del giudice tutelare. La decisione di allontanarsi dalla comunità è maturata a seguito della necessità burocratica di dividere ragazzi e ragazze in strutture diverse.

Così il 17 aprile scorso il ragazzo non è rientrato in comunità, facendo perdere le proprie tracce sulla tratta ferroviaria Genova – Ventimiglia. Una volta diramata la segnalazione di scomparsa, la Polizia di Stato ha avviato la procedura di rintraccio, anche con l’utilizzo della tracciatura del telefono, ma in poco tempo il ragazzo è riuscito a rendersi irreperibile.

Il 26 aprile la fidanzatina è fuggita e quindi, presumendo che i due ragazzi si sarebbero ricongiunti, è partita un’articolata attività di controllo del territorio e di monitoraggio delle stazioni, con la distribuzione di riproduzioni fotografiche a tutte le Forze di Polizia, nonché un’attività tecnica di tracciamento dei cellulari, che però i ragazzi tenevano accesi solo sporadicamente.

L’assidua attività di ricerca ha però consentito, la notte del 4 maggio, di individuare la posizione del telefonino del giovane in una vasta area del centro storico cittadino, dove per tutta la notte le pattuglie della Polizia di Stato hanno concentrato le ricerche, fino a quando, alle prime luci dell’alba, gli agenti del Commissariato Centro hanno ritrovato i due ragazzi addormentati su una panchina nell’area del Porto Antico.

I giovani sono stati riaffidati ai rispettivi genitori in attesa delle valutazioni per una eventuale diversa collocazione.