Lavori in corso

Molassana, scatta la seconda fase del Por: cantieri al via, cambia la viabilità

cantieri molassana

GenovaInizierà oggi la seconda fase dei lavori in via Molassana, che porteranno all’ampliamento e al rifacimento dei marciapiedi così come previsto dal Por.

I cantieri richiederanno l’istituzione del senso unico di marcia, con direzione mare, per tutti i veicoli nel tratto compreso tra la rotatoria Molassana-Geirato-Fleming e la nuova rotatoria Molassana-Piacenza-Emilia; la direttrice monte sarà deviata per tutti i veicoli sulla Nuova Strada Spondale, che resterà comunque a doppio senso di marcia, creando di fatto un anello con senso antiorario.

Le fermate dei mezzi di trasporto pubblico, per la direzione monte, saranno temporaneamente spostate sulla Nuova Strada Spondale all’altezza del Municipio e in via Molassana, immediatamente a monte della rotatoria Molassana-Geirato-Fleming.

Fino al termine degli interventi, le linee 13, 14, 470/, 477, 477/, 479, 481 e N1, avverte Amt, modificheranno quindi il loro percorso.

Linee 13, 14, 481 e N1

Direzione monte: i bus, giunti al termine di via Emilia, dovranno transitare sulla nuova strada di sponda, poi percorrere Ponte Fleming e la rotatoria di via Molassana dove riprenderanno regolare percorso. Direzione mare: percorso regolare.

Linee 470/, 477, 477/ e 479

I bus non potranno transitare per via Bernardini, ma proseguiranno per via Geirato fino alla rotatoria di Molassana dove riprenderanno regolare percorso.

Più informazioni
leggi anche
coda autostrada incidente A10
Lavori al via
A10, via alla manutenzione di Ponte Morandi: cantieri per un anno, traffico a rischio
via montezovetto
Genova
Cantieri in via Montezovetto, Bernini: “Nessun rischio per gli edifici”
via martiri della libertà pegli
Dal 2 maggio
Pegli, lavori al ponte di via Martiri della Libertà: le modifiche al traffico
via cornigliano
Rinascita
Lavori in corso a Cornigliano: grande festa per il 2 giugno
cronaca
Nuovo stop
Lungomare Canepa a sei corsie, lavori fermi per altri due mesi: il Tar riassegna l’appalto