Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Marassi, parla il ragazzo ferito dai piombini di una pistola ad aria compressa: “Un gesto assurdo che non deve ripetersi”

Domani il giovane, che lavora in un istituto di vigilanza e oggi si è fatto refertare in ospedale, farà denuncia alla polizia.

Più informazioni su

Genova. “Ero seduto su un muretto con alcuni amici all’inizio di via Tortosa aspettando di entrare allo stadio. Erano le due e un quarto. Improvvisamente ho sentito due botte sulla schiena, come se mi avesse punto un calabrone. Ho chiesto a un mio amico di tirarmi su la maglietta: Era bucata e in terra abbiamo trovato due pallini di ferro”. Si chiama Francesco Launi, ha quasi 28 anni e lavora in un istituto di vigilanza il ragazzo che domenica pomeriggio, poco prima dell’inizio del derby, è stato colpito da due piombini esplosi probabilmente da una pistola ad aria compressa da una finestra di un palazzo.
“Abbiamo alzato gli occhi per vedere da dove provenisse, ma non abbiamo visto nessuno” racconta ancora scioccato.

“Sono stato fortunato, come mi hanno detto in ospedale questa mattina, che non mi abbiano colpito alla nuca o a un occhio”. Francesco, due giorni dopo il fattaccio ha deciso di fare denuncia: “Lì per lì temevo un po’ la burocrazia di queste cose, e anche il rischio che una denuncia contro ignoti finisca con un nulla di fatto, ma ieri mi sono deciso perché queste cose non devono accadere”.

Così Francesco oggi si è recato alla polizia, poi all’ospedale di Sestri ponente, dove si è fatto refertare. E domani presenterà formale denuncia. Anche perché a quanto pare, non è la prima volta che qualcuno prova a fare “il giustiziere” contro i tifosi.

Lì per lì il 28 enne si è fatto curare in un bar con un disinfettante ed è andato comunque a vedere la partita: “Non sono neanche particolarmente tifoso – racconta – vado solo ogni tanto ma un mio amico era fuori città e mi ha prestato l’abbonamento della Sud, ovviamente era una partita un po’ speciale e sono andato”.

Certo, prima della partita, i tifosi in zona a bivaccare erano tanti e rumorosi: “Certo, può essere che a qualcuno dia fastidio, ma non poteva urlarci qualcosa o al limite buttare la classica ‘bulaccata’ d’acqua? Quello che è accaduto è assurdo”.

Ora sarà la polizia a indagare. Ieri la Digos ha raccolto una segnalazione arrivata via radio di qualcuno che sparava in via Tortosa ma giunti sul posto i poliziotti non hanno trovato nessuno.