Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

In Valpolcevera le scuole abbandonate diventano social housing: bando per 6 appartamenti a Geminiano fotogallery

Begato, Geminiano e presto Cremeno: gli appartamenti destinati a famiglie con redditi medio-bassi

Genova. Dalla scuola all’housing sociale. Succede in Valpolcevera grazie a un progetto di riconversione voluto dal Comune e dalla società Ri.Genova. Dopo i primi appartamenti consegnati un anno fa, oggi il Comune di Genova ha presentato il bando (che scade il prossimo 9 giugno) per 6 appartamenti immersi nel verde di Geminiano. “L’obiettivo è duplice – spiega l’assessore comunale alle politiche sociali Emanuela Fracassi – da un lato si riqualifica un bene, dall’altro si promuove un intervento di contrasto al disagio abitativo”. Gli appartamenti, quasi tutti dotati di terrazzo o giardino, hanno metrature comprese tra i 40 e gli 80 mq e vengono affidati a canone moderato (circa il 25% in meno del prezzo di mercato) per affitti compresi tra 190 e 350 euro.
Il 17 maggio a Geminiano ci sarà un open day per visitare gli alloggi.
Al bando (scaricabile dal sito di Rigenova possono partecipare famiglie con un idee non superiore a 33 mila euro circa (40 mila in caso di famiglia formata da un solo componente). Nel punteggio vengono agevolate le giovani coppie under 40 (3 punti), meglio se con figli (6 punti). Un punteggio maggiore viene assegnato a chi abita o lavora in Valpolcevera.

“Per noi questo è un momento di soddisfazione – dice la presidente del Municipio Iole Murruni – per un municipio che di recente è balzato agli onori della cronaca nazionale per fatti tragici. In questo caso di recuperano luoghi abbandonati al degrado e si risponde insieme all’emergenza abitativa”.

Dopo Begato e Geminiano la prossima scuola recuperata ad alloggi sarà quella di Cremeno per ulteriori sei appartamenti. La progettazione è ormai in fase avanzata. Gli alloggi saranno affittati a canone moderato per 25 anni, poi potranno essere immessi sul mercato “libero”.