Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ginnastica artistica: all’Andrea Doria non basta un buon ottavo posto

Nella graduatoria complessiva le genovesi chiudono decime e tornano in Serie B1

Genova. A Torino, lo scorso week end, si è svolta la quarta e conclusiva prova dei campionati nazionali di Serie A e Serie B di ginnastica artistica maschili e femminili, con l’assegnazione dei titoli e le conseguenti promozioni e retrocessioni.

Nello splendido PalaVela, gremito di pubblico, il venerdì sera si è iniziato con il campionato di Serie B. A scendere in pedana è stata la squadra femminile dell’Andrea Doria che, con una gara quasi perfetta, ha portato a casa un ottavo posto sulle dodici squadre presenti al via. La cronaca della gara vedeva le biancoblù iniziare al volteggio con tre buoni salti di Angela Ballacchino (12.10 punti), Martina Pozzato (12.55) e l’ottimo 12.75 di Nicole Infascelli che proseguiva la gara con il miglior score della squadra a parallele (10.50) e un buon esercizio a trave valutato 11.55.

Alla trave buono anche l’11.00 di Laura Antoniotti; ottimo l’apporto della giovanissima Caterina Pittaluga (classe 2004) che, ad una settimana dalla conquista dell’argento individuale nel torneo nazionale Allieve, sfoderava le migliori prestazioni per la squadra con una trave quasi perfetta da 12.40 punti e un corpo libero valutato 11.60. A completare la gara il buon 11.30 di Marzia Bosi con un elegante esercizio al corpo libero e l’11.20 di Martina Pozzato, ginnasta biellese in prestito per l’intero campionato.

La vittoria di giornata andava alla Brixia di Brescia che conquistava anche il titolo davanti a Renato Serra Cesena e Victoria Torino che si guadagnavano con la quarta, la Pro Patria Milano, la promozione in Serie A2 per il prossimo anno. Nonostante l’ottava posizione di giornata l’Andrea Doria terminava il campionato al decimo posto finale, prima delle retrocesse in Serie B1 assieme a Livornese e Blukippe rispettivamente 11ª e 12ª.

Rammarico per la società genovese, che al suo esordio in un campionato nazionale di squadra ha ben figurato e ha solamente pagato lo scotto nelle prime due prove della giovane età e dell’inesperienza delle componenti della squadra che nelle ultime due prove, con il nono e l’ottavo posto, ha dimostrato il suo reale valore.