Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Genoa, le incognite del futuro di Gasperini risultati fotogallery

Genova. Gasperini si presenta in sala stampa in maglietta, troppi gavettoni in campo e negli spogliatoi per festeggiare la vittoria nel derby: «Siamo stati concreti, poteva finire anche meglio, avevamo gli spazi per giocare, ringrazio i ragazzi perché siamo ancora qui a una giornata dalla fine a giocarci qualcosa, è bellissimo». Per la prima volta nella storia il Genoa è finito due volte consecutive sopra la Sampdoria con entrambe le squadre in serie A.

L’uomo portato in trionfo sotto la Nord a fine partita non dice di aver fatto miracoli: «Abbiamo lavorato bene con tutto lo staff, l’unico periodo anomalo è stato quello delle cinque sconfitte di fila che hanno reso difficile il nostro campionato, per il resto la nostra media punti era buona, frutto di lavoro, credibilità e abnegazione da parte di tutti».

Con il mercato di gennaio e la cessione soprattutto di Perotti, la squadra sembrava perduta e invece la grande rincorsa è cominciata proprio da lì: «Ci vuole sempre un po’ di tempo per assemblare la squadra, questo campionato è stato una grande palestra per me, quest’anno non ho mai schierato il tridente in attacco, nel girone di ritorno siamo stati più completi nei ruoli, è quasi un peccato che il campionato stia per finire, perché è uscito tutto il lavoro della stagione».

Vigore fisico, tecnica e organizzazione di gioco sono i tre grandi settori in cui il Genoa è stato superiore alla Samp: «Aver fatto gol subito, ci ha facilitato le cose – dice Gasperini – ma siamo stati molto concentrati in fase difensiva, se manca questo diventiamo “normali”».

Il mister fa i complimenti a Suso: «Mi ha dato grande soddisfazione non nelle sue qualità, che sono indubbie, ma vederlo giocare con continuità, da punto di riferimento costante e non un faro che si accende e si spegne». Dal canto suo il giocatore risponde: «Gasperini è stato molto importante per la mia crescita, sono contento di essere qui al Genoa».

E su Pavoletti il Gasp si augura: «Spero vada agli Europei, se fosse per me… merita davvero la Nazionale».

Rispetto al derby di andata sono cambiate molte cose: «Devo dire grazie ai tifosi: hanno aiutato la squadra e poi ho sentito la gente dalla mia parte come non mai. È stata una svolta importante, perché il decimo posto era un traguardo insperabile. La spaccatura che c’era è stata saldata e i tifosi ora sembrano tornati a quell’unità che fa bene anche alla squadra».

Burdisso in mixed zone ha detto che non riesce a immaginare un Genoa senza Gasperini, il mister risponde così: «Oggi è festa, è una situazione che non ho cercato io, non posso avere né contatti né accordi con nessuna società, sarebbe irriverente e irregolare, non dipende da me, però penso anche che il presidente abbia i suoi tempi. La delusione della mancata partecipazione all’Europa League ha creato una marea di problemi, quello che è certo è che il prossimo è decimo anno di fila in serie A, in che modo il Genoa lo affronterà non lo so e non spetta a me dirlo».