Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Campese, missione compiuta: è Promozione!

Verdiblù che si impongono 2-1 sulla Forza e Coraggio e si conquistano la promozione. Lo Struppa sfiora l'impresa, ma retrocede in Seconda categoria

La Campese ce l’ha fatta. Dopo una stagione che è parsa eterna e un campionato davvero combattutissimo, la squadra di Esposito si è conquistato la Promozione battendo 2-1 la Forza e Coraggio nella semifinale playoff. Contro gli spezzini la partita è difficile, con un primo tempo combattuto, ma comunque intensa.

Primo quarto d’ora lento e compassato, ma al primo vero affondo i verdiblù grazie a Codreanu che sfrutta un errore della difesa levantina e batte il portiere Mozzachiodi. A questo punto, però la Campese si rilassa troppo, e dopo soli quattro minuti ecco arrivare il pareggio degli spezzini che con Laudicina rimettono in pari il parziale. La partita è gradevole, a dispetto della posta in palio le due compagini si affrontano senza timori, giocando a viso aperto. Al 32° Pastorino chiama il portiere biancorosso alla deviazione in angolo. Poco dopo ancora Laudicina di testa mette i brividi alla Campese, ma Burlando c’è e manda alto.

Si va alla ripresa che si apre con il Forza e Coraggio in attacco e ci vuole un grande intervento di Burlando per evitare alla Campese di capitolare. L’uscita su Bariti è provvidenziale e dà la carica ai suoi compagni che al 75° trovano la via del gol. Calcio di punizione battuto da Criscuolo che la mette dove Mozzachiodi non può arrivare. 2-1 e i sostenitori della Campese esplodono, al “Comunale” di Chiavari che si colora di verdeblù sempre maggiormente, man mano che passano i minuti. Al triplice fischio scatta la festa per la Campese, autrice di una stagione davvero importante, fatta di tanti scontri al vertice che fin da subito aveva fatto presagire un primo posto imprendibile, con una GoliardicaPolis così. Resta quindi un secondo posto difeso alla grande e i playoff giocati in modo perfetto.

Per una squadra che gioisce nel lasciare la Prima categoria, altre due sono scese in campo per cercare di mantenerla invece. Si tratta del Prato 2013 e dello Struppa che si sono ritrovate sul rettangolo verde per il match di ritorno della finale playout. Dopo l’andata conclusasi sul 3-1 per il Prato, il secondo incontro in una settimana fra granata e rossoneri è stato davvero bello ed avvincente.

Lo Struppa infatti ha sfiorato l’impresa, dopo un primo tempo lento e compassato, la squadra di Zuffanti si scuote poco prima del termine di frazione. Il gol di Fiumanò arriva al 45° su calcio di punizione deviato quanto basta dalla folta barriera schierata da Vivardi. Nel periodo predcedente si era fatto vedere il Prato, con Combierati che aveva chiamato Tufina ad intervenire. Poi più nulla con lo Struppa che aveva operato un possesso piuttosto sterile.

Nel secondo tempo si ripete il leit motiv visto in precedenza, lo Struppa controlla, ma è troppo timoroso. Al 77° Orlando, però dà speranza i suoi con una perla dai venti metri che si insacca all’incrocio. Lo Struppa quindi cinge d’assedio la metà campo avversaria, ma non riesce a rendersi più pericoloso e il triplice fischio è la condanna definitiva per gli orogranata che si sono svegliati tardi, e hanno rispecchiato il campionato nettamente sottotono giocato dalla squadra di mister Zuffanti.