Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Ansaldo Energia taglia il premio di produzione, la Fiom dichiara lo sciopero ad oltranza

Mille euro im meno in media per lavoratore. La Fiom: "Inaccettabile taglio di salario visto che l'azienda investe e produce"

Genova. Sciopero ad oltranza di un’ora per reparto in Ansaldo Energia a partire da domani mattina. Lo ha deciso la Fiom Cgil di Genova che risponde così alla decisione dell’azienda di ridurre e rendere più difficile il conseguimento del premio di produzione.

“L’azienda ci ha presentato una proposta inaccettabile – spiega il segretario della Fiom genovese Bruno Manganaro – che riduce di circa mille euro l’anno il premio di produzione e legandolo al valore dell’Ebit lo rende più difficile da conseguire. E’ assurdo che in un’azienda che funziona ed è tutt’altro che in crisi, basti pensare alla commessa dai 600 milioni in Omam e agli investimenti su Genova da 65 milioni, si riducano il salario e i diritti”. Inoltre, la “seconda parte del premio di produzione è legato alla presenza in azienda, occorre essere presenti sempre e questo viola i diritti dei lavoratori come quello dell’allattamento e della 104 per l’assistenza ai parenti disabili. L’anno scorso in un referendum indetto unitariamente da Fiom, Fim e Uilm, i lavoratori avevano già respinto al mittente questo tentativo di ledere i diritti, e ora ci viene riproposto sotto una veste diversa”.

“Vogliamo capire cosa c’è sotto a questo atteggiamento – aggiunge Federico Grondona, delegato rsu Fiom – perché negli ultimi 15 anni in Ansando Energia ci sono sempre state buone relazioni sindacali, ma da due anni l’azienda è quasi per la metà di proprietà di Shanghai Electric e questi rapporti stanno profondamente cambiando. Sono tre mesi che ci continuano a proporre questa bozza di accordo non muovendosi di un millimetro o addirittura peggiorandola, visto che nell’ultima versione ci viene addirittura detto che un aumento del contratto nazionale sarà scalato dal premio di produzione”.

Lo sciopero è articolato su un’ora per ciascun reparto con presidio davanti alle portinerie a partire dalle 8 di domani mattina.