Genova24 - Genova: notizie in tempo reale. Cronaca, Sampdoria, Genoa, Politica, Economia, Sport ...

Al lavoro anche se in sciopero: accordo raggiunto al San Martino

Genova. Dopo le tensioni di ieri, tra sindacati e ospedale San Martino è stato raggiunto un accordo. Lavoratori della sanità pubblica considerati in sciopero anche se presenti in ospedale, per assicurare i servizi essenziali e scongiurare il rischio di chiudere l’ospedale.

“Rispettato il diritto allo sciopero dei dipendenti ma anche il diritto alla salute dei pazienti in settori essenziali come ad esempio quello delle emergenze”, annuncia soddisfatto Vladimiro Furini, segretario regionale ligure della Funzione pubblica Cgil.

“Grazie all’intesa con la direzione del San Martino, non c’è stata precettazione da parte del Prefetto, ma una sorta di precettazione di fatto che ha permesso di garantire i servizi essenziali dell’ospedale – spiega Furini – Si calcola in sciopero anche chi si trova oggi al lavoro, per evitare il collasso dell’ospedale. L’adesione allo sciopero è stata massiccia, si pensi che solo nei servizi essenziali al San Martino risultano oggi in sciopero 500 addetti. Senza accordo, sarebbe stato impossibile portare avanti l’attività dell’ospedale. Si può ipotizzare che al San Martino sia in sciopero circa il 60% del personale”.